fbpx

VIDEO | Cultura, Prem Rawat: “Semi di pace perché il deserto fiorisca”

ROMA – “Quando si guarda il deserto tutto sembra molto monotono. Ovunque ti giri c’è solo sabbia. Puoi guardarlo e dire: questo è solo un deserto. Ma quando la pioggia arriva, tutti i semi che giacciono sepolti nella sabbia fioriscono. E quando il deserto fiorisce non è più un deserto, diventa un giardino”. Sceglie una metafora, Prem Rawat, ambasciatore di pace e autore indiano, per veicolare il suo messaggio. Oratore, viaggiatore instancabile e personaggio eclettico: tra le tante attività che lo tengono occupato c’è anche quella di pilota di aereo. Rawat ha incontrato l’agenzia ‘Dire’ a Roma in occasione della presentazione del suo libro ‘Quando il deserto fiorisce’ (Rizzoli Libri, pp. 160).

“Sono un pilota e in quanto pilota so che ci sono liste di controllo per la fase che precede la partenza, per il rollaggio, per la fase che precede il decollo e per il decollo. Questa è conoscenza. Ma la saggezza consiste nel leggere la check list per evitare disastri aerei. Nella mia esperienza, è necessario ottenere conoscenza nella vita, ma senza dimenticare la saggezza”.

Nel suo libro, Rawat raccoglie storie che parlano di cose semplici – formiche, granelli di sabbia, tartarughe – e di persone comuni, per rispondere a una domanda che prima o poi tutti si pongono: come affrontare la difficoltà della vita e imparare ad amare se stessi e il mondo, diventando incarnazioni viventi di un nuovo modo di percepire la realtà.

“Oltre a ottenere la saggezza – spiega l’autore – è necessario conoscere se stessi, altrimenti non sappiamo dove ci collochiamo sulla mappa e non riusciamo ad arrivare dove vogliamo. Terzo importante punto da esaminare è la nostra interazione con il resto del mondo: è infatti necessario provare empatia, essere semplicemente in grado di riconoscere il punto di vista dell’altra persona. Saggezza, conoscenza di se stessi ed empatia: sono questi i tre elementi che compongono la pioggia di cui parlo. La pace è una necessità umana che comincia dentro ognuno di noi”.

Nella visione di Rawat, lo sviluppo economico non è nemico della pace. “In realtà, quando guardiamo alla storia, l’economia è sempre stata molto competitiva. E quando le persone erano in pace, le economie erano floride. Pensiamo per esempio alla Siria, all’India, all’Iraq. Tutti questi Paesi, quando c’era pace, erano floridi. Al contrario quando non c’è pace e comprensione tra gli esseri umani, tutto in qualche modo crolla. Quindi sono davvero la comprensione e il benessere delle persone che producono la solida economia di cui tutti abbiamo bisogno”.

Prem Rawat viene in Italia da molti anni, dove ha ricevuto diverse cittadinanze onorarie ed è stato ricevuto in Senato e in Campidoglio. ‘Quando il deserto fiorisce’ – pubblicato per la prima volta in Giappone nel 2015 e uscito in 22 Paesi – segna il suo esordio in Italia come autore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

4 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»