Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli. M5S: “Renzi vuole il tesoro di San Gennaro, giù le mani dal Santo”

NAPOLI - "Chiediamo chiarezza e tutela della Deputazione della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

san gennaroNAPOLI – “Chiediamo chiarezza e tutela della Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro equiparata per decreto a Ente sotto la vigilanza dello Stato e dei rappresentanti ecclesiastici. Vogliamo conoscere i motivi che hanno spinto il Governo ad adottare un decreto che modifica in modo unilaterale la composizione di un’istituzione cosi’ importante, anche simbolicamente, per la citta’ di Napoli“. E’ quanto si legge nell’interrogazione presentata alla Camera dai parlamentari campani del Movimento 5 Stelle, prima firmataria Vega Colonnese, al presidente Renzi e al ministro Alfano sull’entrata di rappresentanti della Curia di Napoli nell’istituzione storica che custodisce il Santo patrono per conto della citta’.
Il M5S nell’atto parlamentare chiede al ministro “come intenda intervenire concretamente per tutelare l’indipendenza, l’autonomia, la tradizione, la storia di un’istituzione connessa con il sentimento del popolo di Napoli“.
   Una nutrita rappresentanza di ”portavoce” parlamentari e regionali prenderanno parte domani al flash mob sul sagrato del Duomo, con i fazzoletti bianchi e senza alcun vessillo o bandiera, per aderire alla petizione popolare con cui si chiede l”annullamento del decreto legge.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»