hamburger menu

I conti di Totti nel mirino dell’antiriciclaggio: l’ombra delle scommesse e del gioco d’azzardo

Le segnalazioni riguardano bonifici e assegni partiti da due conti dell'ex capitano della Roma. I risk manager parlano di "attività opache"

Pubblicato:04-01-2023 12:28
Ultimo aggiornamento:04-01-2023 12:32
Canale: Sport
Autore:
francesco_totti
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Non bastassero i risvolti giudiziari della separazione tra Francesco Totti e Ilary Blasi, sull’ex capitano della Roma emergono i dubbi dell’autorità anti-riciclaggio su alcuni conti e operazioni sospette, forse legate al gioco d’azzardo e alle scommesse online. La notizia, riportata dal quotidiano ‘La Verità’, parla di segnalazioni risalenti ad alcuni mesi fa.

Tra le operazioni nel mirino del pool di Bankitalia c’è un prestito infruttifero da 80mila euro inviato da Totti a una pensionata di Anzio, che ha innescato negli stessi giorni una serie di bonifici da parte di parenti della donna, uno dei quali sarebbe amico intimo di Totti. E proprio nel conto di quest’uomo, genero della pensionata, sono transitati diversi bonifici provenienti da società operanti nel settore delle scommesse online. Come riporta ‘La Verità’, la figlia e il genero della pensionata non avrebbero fornito “adeguati chiarimenti e giustificativi” e avrebbero mostrato “un atteggiamento evasivo e non collaborativo“. Per questo dall’antiriciclaggio parlano di “attività opaca con controparti operanti nel settore del bet online”.

I conti di Totti messi nel mirino dei risk manager sono due: uno è cointestato con l’ex moglie Ilary Blasi e l’altro con l’ex team manager della Roma Manuel Zubiria Furest. I sospetti sono emersi anche per assegni e bonifici per oltre un milione di euro emessi da questi conti nei confronti di una società con sede a Monte Carlo, nonché di pagamenti verso una società collegata al casinò di Londra e una che sembra essere collegata al casinò di Las Vegas.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-01-04T12:32:15+02:00