Giuseppe Conte dichiara oltre un milione di euro: è il più ricco del Governo

Ecco le dichiarazioni dei redditi dei membri del governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il premier risulta il piu’ ricco tra i componenti del Governo M5s-Pd. Tra i ministri invece il piu’ ricco risulta il titolare dei Beni Culturali, Dario Franceschini, che dichiara 200.767 di reddito imponibile. E’ questo quanto risulta dalle dichiarazioni dei redditi dei membri del governo.

Seguono: la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese con 160.876 euro, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede con 153.832, il ministro della Difesa Lorenzo Guerini con 131.914, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo con 115.290 euro, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa con 104.271 euro, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri con 104.134 euro, il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia con 99.643 euro, la ministra per la Pubblica amministrazione Fabiana Dadone con 98.471, il ministro dei Rapporti con il Parlamento Federico D’Inca’ con 95.863 euro, la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova con 94.445 euro, la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli con 93.053 euro, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora con 84.340 euro, il ministro del Sud Giuseppe Provenzano con 81.245 euro, il ministro della Salute, Roberto Speranza, con 77.762 euro, il ministro per lo Sviluppo economico Stefano Patuanelli con 63.965 euro. Ultimo il ministro per gli Affari europei Vincenzo Amendola con 45.753 euro.

Non sono disponibili ancora on line i redditi del ministro degli Esteri, Luigi di Maio, e della ministra dell’Innovazione Paola Pisano. La neo ministra Elena Bonetti ha dichiarato 50.178 euro di reddito imponibile 2018 e risulta il possesso di una Megane.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»