VIDEO | ‘Domani sarà’: online il nuovo brano degli Inna Cantina

Uniti anche a distanza: nel video ci sono cento persone da tutto il mondo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print


ROMA – Quasi 100 persone da 40 città distribuite in 24 Paesi di tutto il mondo. Sono i volti e le voci che hanno dato vita al video del nuovo brano degli ‘Inna Cantina Sound’, band romana dalle sonorità reggae.
“Vedrai che domani sarà un giorno migliore di ieri e di colpo lo sai finirà l’odore dei brutti pensieri, l’attesa dei tuoi desideri” recita il ritornello che strizza l’occhio alla fine del lockdown e in generale alla fine della pandemia.

E non è un caso aver voluto coinvolgere tante persone, volti diversi, provenienti da tutto il mondo perché è proprio dalla società e dal senso di comunità che, come spiegano in un comunicato gli Inna Cantina, “si potrà uscire dalla tempesta”.

”Abbiamo voluto mettere in primo piano la nostra di comunità, persone che seppur lontane migliaia di chilometri si sentono vicine per obiettivi e ideali. Quello che abbiamo cercato di esprimere con questo video e con questa canzone- spiegano- è che, anche in uno dei periodi più difficili della nostra storia sia personale che del mondo, il rischio della solitudine è dietro l’angolo. Il rischio è di perdere al speranza e non avere più fiducia nel futuro. Vivere nell’incertezza di quello che sarà domani è un sentimento che accomuna tutti e noi abbiamo cercato, a modo nostro e con la nostra leggerezza, di ridare speranza alle persone“.
Una canzone che ha l’obiettivo di far divertire, accennando un sorriso e magari un ballo tra le mura di casa: “Per noi la musica è esattamente questo- sottolinea la band romana- regalare momenti di serenità e far sentire le persone parte di qualcosa di più grande e comune”. ”Se ci impegneremo- concludono- domani sarà un giorno migliore di ieri“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»