Tg Lazio, edizione del 3 marzo 2021

Mascherine e camici non certificati forniti alla Regione Lazio: 3 arresti nell'inchiesta della Procura di Roma, dalla direzione del Pd ok all'ingresso del M5s in maggioranza nell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, MASCHERINE E CAMICI NON CERTIFICATI AL LAZIO: 3 ARRESTI

Tra marzo e aprile del 2020, nel primo periodo della pandemia, avevano fornito alla Regione Lazio 5 milioni di mascherine Ffp2 e 430.000 camici per un prezzo di 22 milioni ma i dispositivi di protezione individuale non avevano le necessarie certificazioni. Per questo motivo la Guardia di Finanza di Roma ha arrestato 3 uomini attualmente indagati a vario titolo per frode nelle pubbliche forniture, truffa aggravata e traffico di influenze illecite. I 22 milioni incassati dalla società European Network Tlc sono stati sequestrati. L’inchiesta della Procura romana è nata da una segnalazione della Protezione Civile del Lazio.

COVID, NEL LAZIO MENO INCIDENZA E MORTALITÀ SU OVER 80 VACCINATI

Nel Lazio diminuiscono i tassi di incidenza e mortalità da Covid tra gli over 80, la prima categoria di cittadini ad essere vaccinata. L’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, ha evidenziato che “gli ultimi dati elaborati dal Dipartimento di Epidemiologia del Lazio dimostrano come a partire da inizio febbraio si registra una forte riduzione dell’incidenza nella fascia di età 80-84 anni, che passa da 13,5 a 8,6 nuovi casi per 10mila abitanti e nella fascia over 85 anni, che passa da 13,9 a 10,5 nuovi casi per 10mila abitanti”. “La riduzione del tasso di mortalità- ha aggiunto D’Amato- passa da 2,13 a 1,54 ogni 10 mila abitanti”.

ROMA, ECCO CANTIERI REGIONE PER COMPLETARE PIANI ZONA PERIFERIE

Strade, raccolta dell’acqua piovana e illuminazione pubblica. Quindici opere di urbanizzazione per il completamento di 8 piani di zona presenti in 7 aree periferiche di Roma. La Regione Lazio, attraverso la propria società controllata Astral, ha dato il via ai lavori partendo dal quartiere capitolino di Settecamini. “E’ un messaggio per l’Italia, non bisogna aspettare le riforme per aprire i cantieri”, ha detto il governatore, Nicola Zingaretti. “Dopo 15 anni risolviamo un problema per i cittadini. Non dovevamo essere noi a intervenire ma abbiamo preso l’iniziativa”, ha aggiunto l’assessore Valeriani.

LAZIO, DA DIREZIONE PD OK A INGRESSO 5 STELLE IN MAGGIORANZA

L’ingresso del Movimento 5 Stelle nella Giunta regionale del Lazio e nella maggioranza di centrosinistra che sostiene il presidente Nicola Zingaretti è a un passo. La direzione regionale del Pd ha dato il via libera all’operazione con una larga maggioranza che ha votato per il sì. “Grande soddisfazione” è stata espressa dal segretario dem del Lazio, Bruno Astorre, mentre Zingaretti ha sottolineato che l’accordo con i pentastellati non avrà ricadute sul voto nei comuni, a partire da Roma: “Ognuno sceglierà in piena libertà le migliori alleanze per governare”, ha spiegato il segretario del Pd.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»