Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Imprese, Istat: “Aumenta competitività, ma poca internazionalizzazione”

ROMA - "Le tendenze macroeconomiche segnalano da un lato un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le tendenze macroeconomiche segnalano da un lato un chiaro recupero di competitività del nostro sistema produttivo, dall’altro un ritmo di crescita ancora modesto, nei confronti delle principali economie europee”. E’ quanto si legge nel rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi.

La “lunga fase recessiva” ha fatto sentire i suoi effetti: “tra il 2011 e il 2014 il sistema ha perso oltre 194 mila imprese e quasi 800 mila addetti” e “una impresa su due ha ridotto il valore aggiunto in tutti i settori manifatturieri e in quasi tutto il terziario. Le imprese più colpite dalla crisi sono quelle che vendono solo sul mercato interno”.

L’Istat osserva che “la selezione ha operato anche sulle imprese internazionalizzate: durante la recessione, solo chi esportava su scala mondiale ha aumentato valore aggiunto e addetti. Esportare è rimasta quindi una condizione necessaria, ma non sufficiente, per avere una performance positiva”. Ma, avverte infine il rapporto, “l’Italia resta un paese poco internazionalizzato rispetto alle maggiori economie europee: nel 2015 la quota di investimenti diretti esteri sul Pil (25,9% in uscita e 18,6% in entrata) è meno della metà di quelle di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»