Sondaggio Ixè: M5S sorpassa il Pd, gli italiani hanno fretta di votare

ROMA - Continua a perdere voti il Pd,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Continua a perdere voti il Pd, che in una settimana passa dal 28,1% al 26,9% e subisce il sorpasso del M5S, al 27,1%, nonostante la flessione dello 0,7%.  È quanto emerge dalle intenzioni di voto dell’Istituto Ixè fatte per il programma Agorà di Raitre. La Lega Nord scende al 12,8%, mentre Forza Italia si attesta al 12,7%. Prima rilevazione per Democratici e Progressisti, la nuova formazione di Speranza, Rossi e Bersani, accredita del 2,9%.

Secondo Ixè, inoltre, gli italiani hanno fretta di tornare alle urne. Il 47% degli italiani, infatti, se potesse scegliere vorrebbe andare al voto prima dell’estate. Il 18%, invece, vorrebbe le elezioni dopo l’estate mentre il 28% a fine legislatura, nel 2018.

Scende  al 30% (-2%) la fiducia in Paolo Gentiloni. Il premier resta comunque avanti di 4 punti rispetto al governo, in calo al 26%. Anche Matteo Renzi scende al 26% (-1%), mentre restano stabili Salvini al 22%, Meloni 21%, Grillo 18%.

Il 31% degli elettori centrodestra incorona Matteo Salvini come leader di coalizione, immaginando una corsa a Palazzo Chigi. L’exploit del segretario della Lega Nord, è frutto dell’opinione dell’80% degli elettori del Carroccio e del 13% di quelli di Forza Italia. A seguire Luca Zaia raccoglie il 23% di consensi, davanti a Berlusconi al 20%.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»