India, la ‘marcia dello zucchero’ respinta alle porte di Delhi

I dimostranti rivendicano la riduzione del costo dell'energia e del carburante, l'annullamento di alcuni debiti nonché un "prezzo minimo di sostegno" per la canna da zucchero.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Decine di migliaia di agricoltori dello Stato indiano dell’Uttar Pradesh (nord) sono stati respinti da lacrimogeni e cannoni ad acqua alle porte di Delhi, mentre erano in marcia per chiedere una serie di riforme. “Avvertiamo il governo che in ogni caso arriveremo a Delhi, non importa quante barriere imporranno o quanta forza useranno” ha detto un manifestante intervistato dal sito d’informazione ‘Outlook India’.

I dimostranti rivendicano la riduzione del costo dell’energia e del carburante, l’annullamento di alcuni debiti nonché un “prezzo minimo di sostegno” per la canna da zucchero, materia prima della quale l’India è uno dei massimi produttori mondiali e che viene spesso sottopagata dagli zuccherifici. Diversi esponenti dell’opposizione sono intervenuti a favore dei contadini, tra cui il presidente del Partito del Congresso, Rahul Gandhi, che ha accusato il Bharatiya Janata Party (Bjp) al governo di “violenze brutali” contro i manifestanti alle porte di Delhi.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»