Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Casa Internazionale delle Donne: “Solidarietà a Mimmo Lucano, l’umanità non si arresta”

"Sentenza vergognosa contro la quale giusto sarebbe mobilitarsi e manifestare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo orgogliosamente complici di Mimmo Lucano. La Casa Internazionale delle Donne esprime una critica totale della condanna vergognosa a 13 anni di carcere nei confronti di Mimmo Lucano e della comunità di Riace che con lui ha condiviso un’esperienza collettiva di accoglienza e pratica umanitaria che ha sostenuto e protetto centinaia di uomini donne e bambini e viene considerata al contrario, con questa sentenza, un sistema criminale di sfruttamento dei migranti”. Lo scrivono oggi in un post Facebook e Instagram le attiviste della Casa Internazionale delle Donne.

“Ingiusti e nemici dell’umanità e della giustizia- proseguono- sono quei giudici del Tribunale di Locri che hanno emesso questa sentenza vergognosa contro la quale giusto sarebbe mobilitarsi e manifestare, per una giustizia che sia tale e non al servizio di ideologie e schieramenti politici reazionari e xenofobi. La Casa Internazionale delle Donne- concludono- è pronta a sostenere qualunque iniziativa contro questa sentenza vergognosa. L’umanità non si arresta”. 

LEGGI ANCHE: Condanna Mimmo Lucano, ‘guerra’ sul web tra chi lo sostiene e chi lo accusa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»