Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Condanna Mimmo Lucano, ‘guerra’ sul web tra chi lo sostiene e chi lo accusa

Attaccano Salvini e Santanché, rispondono Letta, Gori, Saviano e Fazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La durissima sentenza a 13 anni e 2 mesi di reclusione per l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, sta facendo molto discutere. Il Tribunale di Locri ha infatti raddoppiato la richiesta del Pm di  di 7 anni e 11 mesi a conclusione del processo Xenia. Lucano è accusato di presunti illeciti ed abusi amministrativi, durante il periodo in cui era primo cittadino, relativi ad alcuni progetti di accoglienza ed integrazione dei migranti.

LEGGI ANCHE: Mimmo Lucano condannato a 13 anni di carcere, l’ex sindaco: “Stesse sentenze per i mafiosi?”

A gioire è Matteo Salvini, da sempre avverso alla politica di accoglienza del sindaco di Riace, il quale su Twitter scrive: “Guadagnava illecitamente su gestione immigrati, 13 anni di condanna al sindaco di sinistra (e candidato in Calabria) #MimmoLucano, paladino dei radical chic. Giornalisti e politici di sinistra indignati ne abbiamo? No, tutti impegnati a fare i guardoni in casa altrui…”. Pronta la replica del giornalista Carlo Verdelli, che commenta: “Mancava giusto Salvini: #MimmoLucano amico dei clandestini. Come se stare dalla parte degli ultimi fosse una colpa. E per un tribunale adesso lo è, con una sentenza violenta che condanna l’amore e ci fa perdere un altro po’ di onore. Riace, Italia”.

Contro Lucano arriva anche il tweet al vetriolo di Daniela Santanché: “La Rai nel 2017 ha prodotto una fiction esegetica su Lucano, costata oltre 1,6 mln e mai andata in onda. Realizzata coi soldi dei cittadini per ragioni ideologiche. Ora che #MimmoLucano è stato condannato a 13 anni in 1^ grado chi risponde dello spreco e delle scelte editoriali?”

Dal mondo della politica arrivano però anche tweet di solidarietà per il primo cittadino di Riace, come quello di Enrico Letta e quello del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, il quale ha ricordato che i gradi di giudizio sono tre, quindi è bene attendere per chi ora sta festeggiando.

Dalla parte di Lucano si schierano anche esponenti del mondo del giornalismo e dello spettacolo. Roberto Saviano twitta: “#MimmoLucano ha sempre agito seguendo il principio dell’accoglienza, ha sempre e solo salvato vite. Mimmo, so che sei innocente. Ogni anno in Italia vengono condannate centinaia di persone innocenti poi assolte. So che sarà così anche per te. Non mollare mai. Io ci sarò sempre.”. Segue Fabio Fazio: “#MimmoLucano tieni duro. Per quanto a volte sia difficile da credere, alla fine i buoni vincono”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»