Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cina, Greenpeace denuncia: “200 morti nel chimico nel 2016”

Esorta il governo cinese a riformare il settore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

greenpeace-logo

PECHINO – Sono quasi 200 le persone che, tra gennaio e agosto, hanno perso la vita nel settore chimico; 400 i feriti, 232 il numero totale degli incidenti. L’allarme arriva da Greenpeace, che esorta il governo cinese a riformare il settore. Pechino “deve adottare misure urgenti per una gestione razionale dei prodotti chimici in maniera, deve fornire una rete di sicurezza per i lavoratori e i cittadini, e proteggere le aree ecologicamente rilevanti di tutto il paese”, ha dichiarato Cheng Qian, un attivista dell’ong. Secondo dati pubblici, nel periodo 2010- 2011, la maggior parte dei 33.625 impianti chimici era concentrato nelle provincie costiere densamente abitate. Lo scorso anno 165 persone sono morte nell’esplosione causata da sostanze chimiche stoccate illegalmente in un’area industriale della città portuale di Tianjin.

( www.china-files.com)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»