Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via le selezioni Intercultura per studiare all’estero

intercultura
810 studenti già partiti, 300 i giovani attesi in Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da oggi è possibile iscriversi alle selezioni di Intercultura per i programmi all’estero e le borse di studio dell’anno scolastico 2022-23. I programmi dell’associazione, che dal 1955 opera in Italia e in tutto il mondo attraverso la rete ‘AFS Intercultural Programs’, sono rivolti a ragazzi nati tra il 1 luglio 2004 e il 31 agosto 2007 e consentono di frequentare una scuola locale e di vivere insieme a una famiglia selezionata. Le iscrizioni potranno essere effettuate online dal sito di Intercultura, a partire dal 1 di settembre fino al 10 novembre 2021. Confermata, nel bando di concorso, la previsione di borse di studio, parziali o totali, messe a disposizione da Intercultura stessa o da enti partner.

“Pur con molte limitazioni, siamo ripartiti, convinti della necessità di offrire una luce di speranza ai giovani di tutto il mondo e alle persone che credono nel dialogo tra le culture” commenta Andrea Franzoi, segretario generale di Intercultura.

Intanto, da inizio luglio ad oggi, fanno sapere dall’associazione, 810 studenti sono già partiti per varie destinazioni, mentre oltre 300 giovani studenti di tutto il mondo sono attesi in Italia a partire dal prossimo 10 settembre e saranno accolti da una famiglia e da una scuola locali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»