Fiera Bologna, gli “esuberanti” sono tornati. E ballano

I lavoratori non hanno alcuna intenzione di mollare la presa sui vertici della società fieristica e, passata l'estate, sono pronti a dare nuovamente battaglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Con le cuffie nelle orecchie, ballano in silenzio al ritmo di una musica che sentono solo loro. Gli “esuberanti” sono tornati e hanno portato tra gli stand della festa del Pd la protesta contro la procedura di mobilità (sospesa a luglio) che ha colpito 123 lavoratori part-time della Fiera. Con un’iniziativa a sorpresa, nella zona dei ristoranti, hanno dato vita ad un flash mob con corteo, al termine del quale hanno esibito una maglietta amaranto con la scritta “-123” e srotolato uno striscione che recitava “Bologna Fiere, ritirare i licenziamenti“.

Dunque, dopo la pausa agostana e in vista della ripresa della trattativa a metà settembre, i lavoratori dell’expo irrompono nuovamente sulla scena per chiarire che non hanno alcuna intenzione di mollare la presa sui vertici della società fieristica, impegnata in una complessa opera di riorganizzazione e ristrutturazione di cui non vogliono fare le spese solo i part-time verticali. In realtà, per tutto il mese di agosto gli ‘esuberanti’ della Fiera sono stati attivi sulla rete e sui social, pubblicando resoconti, dossier e materiali sulla situazione della società. Adesso tornano in campo, pronti a dare nuovamente battaglia non appena riprenderà il confronto tra i sindacati e il presidente dell’expo Franco Boni. Sul tavolo resta l’idea di esternalizzare i lavoratori con part-time ciclico impegnati come personale di manifestazione per ‘arminizzare- ha più volte spiegato Boni- la situazione della Fiera di Bologna a quella degli altri quartieri che si avvalgono di ditte esterne.

di Vania Vorcelli, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»