Mare, nelle Marche eccellente il 96% delle acque

L'Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpam): "Evidente miglioramento"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ANCONA – Le acque di balneazione nelle Marche sono nel 96% dei casi di qualità ‘eccellente’ e nel 4% dei casi di qualità ‘buona‘. E’ quanto emerge dallo studio condotto da Arpam (Agenzia regionale per la protezione ambientale Marche) sulla qualità microbiologica delle acque di balneazione marchigiane. Arpam sottolinea “l’evidente miglioramento” rispetto alla classificazione attribuita sulla base dell’ultimo quadriennio, che vedeva le acque marchigiane in classe ‘eccellente’ per l’80%, ‘buona’ per il 12%, ‘sufficiente’ e ‘scarsa’ per il restante 4% ciascuna.

“Il controllo preliminare all’avvio della stagione balneare, effettuato nel periodo dal 6 al 14 maggio, ha potuto rilevare la piena conformità di tutti i punti di monitoraggio analizzati- spiega il direttore di Arpam Giancarlo Marchetti- Un risultato di tutto rispetto e conseguenza tangibile dell’attenzione delle politiche regionali e dell’attività dell’Agenzia in materia di protezione ambientale e di tutela delle nostre coste”. Sul fronte dei controlli “debuttano” quest’anno 3 nuovi punti di monitoraggio individuati nel territorio di Porto San Giorgio, portando il totale a 245 rispetto ai precedenti 242.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»