AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Mafia, Grasso ricorda Chinnici: ‘Papà Rocco’ mi ha insegnato molto

Pietro GrassoROMA – “Un altro ricordo doloroso. 29 luglio 1983, Via Pipitone, Palermo: la mafia uccide con un’autobomba Rocco Chinnici e, con lui, il maresciallo dei carabinieri Mario Trapassi, il brigadiere Salvatore Bartolotta, il portiere dello stabile in cui abitava il giudice, Stefano Li Sacchi. Chinnici fu tra i primi a capire la dimensione e la peculiarità della mafia. Fu proprio lui, ad esempio, a insistere per il coordinamento delle indagini su ‘cosa nostra’, l’unico modo per poterla combattere in modo efficace: fu l’inizio del famoso pool antimafia di Falcone e Borsellino, quello che pochi anni dopo portò alla sbarra la Cupola nel maxiprocesso”. Così il presidente del Senato Pietro Grasso, ricorda su Facebook l’uccisione del giudice Rocco Chinnici accaduta 34 anni fa.

‘Papà Rocco’ mi ha insegnato molto: io – come altri giovani magistrati che lui amabilmente chiamava ‘i plasmoniani’ – ho imparato tantissimo da questo incorruttibile uomo, profondamente innamorato del suo lavoro e sinceramente impegnato nella lotta alla criminalità organizzata”.

 

29 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988