AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE friuli v.g.

La CE approva Eusalp. Il Friuli è parte della macro regione alpina

eusalpIl Friuli Venezia Giulia sarà uno dei territori compresi da Eusalp, il piano lanciato per la macro regione alpina che comprende 7 paesi europei (Italia, Austria, Francia, Germania, Slovenia, Lichtenstein e Svizzera), che la Commissione europea ha definitivamente approvato, assieme al relativo Piano d’azione. Soddisfatta la Presidente della Regione Debora Serracchiani, annunciando che, nei mesi a seguire, “metteremo in campo ogni iniziativa volta a dare implementazione al Piano di azione Eusalp di concerto con le altre Regioni italiane ed europee oltre che con le rispettive autorità nazionali”.

Serracchiani ha proseguito ricordando che questo è il quarto approccio macroregionale a livello europeo, che segue quelli già istituiti per le Regioni rispettivamente del Mar Baltico, Danubiana e Adriatico-ionica. Interessando oltre 70 milioni di abitanti appartenenti ai 7 Paesi coinvolti, Eusalp è un progetto che rappresenta “una risposta concreta fortemente sostenuta dai territori delle 48 Regioni interessate, per rafforzare e rendere maggiormente equilibrato e sostenibile lo sviluppo di una grande area nel cuore dell’Europa“.

L’obiettivo sarà perseguito attraverso la messa in atto di misure su quattro ambiti prioritari: la crescita economica e l’innovazione, la connettività e mobilità, l’ambiente e l’energia, e infine il modello di governance efficace per migliorare la cooperazione.

Ultimo passo, l’approvazione della strategia Eusalp da parte del Consiglio europeo. “La Regione- ha proseguito- ha assicurato anche il proprio apporto nell’ambito di ricerca e innovazione, dello sviluppo economico anche per le produzioni tipiche locali,  e dei sistemi di trasporto merci e passeggeri, per preservare e valorizzare il ricco patrimonio naturale e culturale”, ha concluso Serracchiani.

Di Redazione

29 luglio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram