Il viceministro della Lega smentisce Di Maio: “Banche? Se necessario pronti a intervenire in fretta”

ROMA – “Il sistema” bancario italiano “e’ molto solido e un intervento puo’ anche non essere necessario. Noi ce lo auguriamo. Laddove fosse necessario, lo si fara’ e in fretta. E’ evidente a tutti che l’Italia e’ un paese piu’ che solido. Nonostante la crisi, i fondamentali sono solidissimi” Cosi’ Massimo Garavaglia, esponente della Lega e viceministro all’Economia, replica ai microfoni di Sky Tg24 alle parole del vicepremier Di Maio che aveva detto di “non voler dare un solo euro” alle banche, qualora se ne presentasse la necessità.

Un’altra manina nel dl fiscale ha lasciato il riferimento ai capitali esteri? “Ma no, per amor di dio. Basta spiegarsi. Purtroppo c’e’ tanta carne al fuoco e c’e’ poco tempo per tutti per entrare nei dettagli”, dice il viceministro Massimo Garavaglia a Sky.

“Se ci sono dei dettagli delle cose da affinare basta mettersi a un tavolo e si trova come sempre una soluzione. Noi- dice Garavaglia a proposito della modifica del dl- siamo disponibili a discutere di tutti gli argomenti, cosi’ come gli amici dei Cinque stelle sono disponibili a discutere di tutte le esigenze che abbiamo noi”.

Una patrimoniale per finanziare il deficit? Il governo dice ‘no’, per bocca del viceministro all’economia Massimo Garavaglia a Sky.

“Bella forza- sbotta Garavaglia- ma una enorme patrimoniale e’ la roba piu’ sbagliata che puoi fare in Italia. In Italia c’e’ gia’ una patrimoniale enorme, messa dal governo Monti, sono state alzate tantissimo le tassazioni sugli immobili e si e’ affossato il settore delle costruzioni. Bisogna invertire la rotta e far partire gli investimenti pubblici e privati, proprio a partire dalle costruzioni”.

28 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»