AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Consip, telefonino sequestrato a Federica Sciarelli. Fnsi e Usigrai: “Atto grave”

ROMA – La giornalista Federica Sciarelli è indagata nell’inchiesta Consip. La conduttrice di ‘Chi l’ha visto’ è infatti accusata di concorso in rivelazione di segreto, poiché avrebbe fatto da tramite per il passaggio delle informazioni dal Pubblico Ministero Henry John Woodcock  a un giornalista del Fatto Quotidiano. Nell’ambito dell’inchiesta le è stato sequestrato il cellulare. Un atto “grave che viola la segretezza delle fonti”, attaccano i sindacati Fnsi e Usigrai.

“VIOLAZIONE DELLA SEGRETEZZA DELLE FONTI”

“Premesso che la vicenda Consip è una vicenda della massima delicatezza istituzionale e democratica, dal momento che ha tutti i contorni di un duro scontro all’interno degli apparati dello Stato, e premesso che è quanto mai doveroso che si arrivi prima possibile ad individuare mandanti e attori di tale scontro, in questo come in tutti i casi analoghi il sequestro del telefonino di una giornalista resta un atto grave, peraltro già contestato in più sedi“, scrivono in una nota congiunta.

“Sequestrare il telefonino di un giornalista – proseguono – vuol dire una palese ed esplicita violazione della segretezza delle sue fonti. Abbiamo piena fiducia nella magistratura, che deve fare serenamente il proprio lavoro per accertare i fatti, ma è necessario che venga rivista con urgenza la decisione di sequestrare il telefonino di Federica Sciarelli, alla quale va la nostra piena solidarietà”.

28 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988