Il Gran Cancelliere in visita ufficiale in Bielorussia - DIRE.it

Ordine di Malta

Il Gran Cancelliere in visita ufficiale in Bielorussia

grand-Chancellor-meets-MFA-of-BelarusIl Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta Albrecht Boeselager, si è recato in visita in Bielorussia, lo scorso 25 aprile dove è stato ricevuto dal Primo Ministro Andrei Kobyakov e dal Ministro degli Affari Esteri Vladimir Makei.

Una dichiarazione congiunta per l’attuazione di nuovi progetti umanitari è stata sottoscritta dal Gran Cancelliere e dal Primo Ministro a Minsk.

Il Ministro degli Affari Esteri ha ringraziato l’Ordine di Malta per l’efficace cooperazione bilaterale evidente nei molteplici progetti umanitari in Bielorussia. “Abbiamo convenuto che la Bielorussia e l’Ordine di Malta intrattengono delle relazioni promettenti e, per tradizione, amichevoli. Abbiamo confermato la nostra intenzione di fare di più di quanto sia già stato conseguito nelle aree di interesse comune” ha affermato il Ministro degli Esteri durante una conferenza stampa.

Nel corso della sua visita, il Gran Cancelliere ha preso parte alla conferenza internazionale dedicata al 30ma ricorrenza del disastro di Chernobyl.

In Bielorussia l’Ordine di Malta lavora stabilmente da molti anni, in collaborazione con la Caritas locale, la Chiesa Romana Cattolica e con le autorità regionali e locali dello stato bielorusso. Le attività comprendono la distribuzione dei beni necessari alla vita di tutti i giorni, assicurare aiuti agli orfani e ai bambini che hanno perso un genitore nel disastro nucleare, sostenere la ristrutturazione di edifici, come ad esempio una casa per le vacanze per bambini ed un asilo. Attività speciali con i bambini vengono organizzate a livello internazionale: in Italia un campo estivo annuale – chiamato LJUBLJU – per gruppi di bambini provenienti da zone che patiscono ancora gli effetti disastrosi di Chernobyl è gestito del 2008 dal Corpo di Soccorso italiano dell’Ordine di Malta.

 

28 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»