Cultura, sabato la cerimonia con il premio Silone con il presidente D’Alfonso

Palazzo_Silone_abruzzo_2PESCARA – Si terrà a Pescina (Aq), sabato 30 aprile, alle ore 10, la cerimonia conclusiva di assegnazione dei riconoscimenti della XX edizione del Premio letterario internazionale “Ignazio Silone”. La kermesse culturale, patrocinata dalla Regione Abruzzo, si animerà nella splendida cornice del complesso monumentale trecentesco che oggi ospita il teatro San Francesco, il museo Ignazio Silone e la sala conferenze dedicata allo scrittore marsicano. All’evento di sabato parteciperà il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, il quale traccerà un profilo della figura, ancora attuale, dello scrittore Ignazio Silone.

   Ecco i premiati della XX edizione. Il premio letterario è andato allo scrittore e saggista sloveno, Drago Jancar, per aver messo in risalto la condizione dei popoli “perseguitati o annientanti dal potere o dall’ignoranza” facendosi “cantore della libertà e dei sentimenti democratici”. Le altre sezioni: per la “tesi di laurea quinquennale” verranno premiati ex aequo Leila Kechoud (Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara) e Matteo Iarlori (Università statale di Pisa). Seguirà la premiazione della sezione “Scuole secondarie di secondo grado della Regione Abruzzo”, con il conferimento del premio agli studenti Alessandro Tibaldi del Liceo classico “A. Torlonia” (Avezzano), Cecila Pelino dell’Istituto Tecnico Economico per il Turismo “A. Argoli” (Tagliacozzo), Augusto Ranalli del Liceo scientifico Statale “A. Volta” (Francavilla al Mare, sez. di Ortona), Valeria Apostolo dell’Istituto Tecnico Statale Economico “G. Galilei” (Avezzano) e Dea Peleksic dell’Istituto Tecnico Commerciale per Geometri “Aterno-Manthonè” (Pescara). Venerdì 29 aprile, invece, nella sala Silone del Consiglio regionale, il presidente dell’Assemblea abruzzese, Giuseppe Di Pangrazio, e il consigliere regionale Maurizio Di Nicola, incontreranno il vincitore del premio Drago Jancar.
28 Aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»