In Cile il deserto fiorisce grazie a 'El Nino' e lo trasforma in un Paradiso terrestre - DIRE.it

Ambiente

In Cile il deserto fiorisce grazie a ‘El Nino’ e lo trasforma in un Paradiso terrestre

Accade ogni cinque o sette anni che l’arido deserto del Cile si trasformi in una sorta di Eden, disseminato di fiori in prevalenza color malva: ma le insolite e abbondanti piogge abbattutesi- con gravi conseguenze- negli ultimi mesi nel nord del paese hanno propiziato quest’anno quella che e’ considerata la fioritura piu’ spettacolare dell’ultimo ventennio. L’altra faccia delle alluvioni costate 28 vittime e migliaia di senza tetto sono le distese di ‘suspiros’ (Lagerstroemia indica) o ‘patas de guanacos’ (Cistanthe grandiflora) o ancora di ‘celestinas’ (Plumbago auricolata) che hanno dipinto un tappeto multicolore nelle regioni di La Serena e Antofagasta.

fioritura nel deserto di Acatama

Dopo almeno un decennio di aspra siccita’, il fenomeno climatico del Nino ha portato precipitazioni tali da aumentare drasticamente la fioritura di molte delle 1.800 piante endemiche del Cile rimaste in una sorta di ‘letargo’. “L’assenza di gelate unita alle piogge hanno generato il deserto piu’ florido dal 1997” ha spiegato all’agenzia spagnola Efe Pedro Leon Lobos, botanico della Banca dei semi dell’Istituto di ricerche agrozootecniche (Inia).

La piu’ alta concentrazione di fiori si puo’ osservare nelle zone di Coquimbo, da Pichidangui a Los Choros, ad Atacama: proprio qui, spiega Lobos, “il deserto fiorito produce un impatto anche maggiore, passando dall’essere una distesa sabbiosa ad un enorme giardino”. (Dire-Misna)

27 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»