AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Forza Italia: “In un anno gli ambulanti di San Lorenzo hanno perso 10 milioni di euro”

FIRENZE – Dal 24 gennaio 2014, quando l’allora sindaco di Firenze, Matteo Renzi, spostò gli 83 banchi del mercato di San Lorenzo dal perimetro della basilica a piazza del Mercato Centrale e in via Panicale (in parte poi nuovamente ricollocati nel centro storico) gli ambulanti hanno perso oltre 10 milioni di euro di fatturato“, visto che “gli incassi sono diminuiti del 70%“. Un quadro economico “disastroso” che ha portato alla chiusura “di 15 attività”, passate da 83 a 68, e che ha determinato il licenziamento “di 45 persone”. E’ un conto salato quello che Marco Stella, coordinatore di Forza Italia Firenze e vicepresidente in Consiglio comunale, presenta all’amministrazione Nardella durante una conferenza stampa convocata dentro il mercato con a fianco gli ambulanti.

Traslocare il mercato, attacca, “ha messo in crisi oltre 80 famiglie e qualcuno dovrà prendersene la responsabilità”. In crisi, continua, “e soli: a due anni di distanza dal trasferimento la loro voce è e resta inascoltata, nessuno si preoccupa di sapere che fine hanno fatto i commercianti”. Per questo “chiedo un incontro al sindaco Dario Nardella e all’assessore allo sviluppo economico, Giovanni Bettarini, aperto alle categorie economiche, per provare a rimediare a questo che è un vero fallimento sia sul fronte economico che su quello occupazionale”.

Un flop anche da punto di vista estetico. Se Renzi scelse questa via per liberare la piazza puntando sulla bellezza di San Lorenzo, oggi la piazza, in assenza di controlli, è diventato un parcheggio aperto al transito dei mezzi privati“. Per Stella, quindi, è arrivato il moneto di ripensare l’organizzazione complessiva del commercio ambulante a Firenze “partendo proprio dagli 83 che sono stati spostati”. Ovvero “integrandoli con quelli di piazza San Firenze”, per trovare poi una sistemazione “a 106 attività ma su minor metri quadri occupati”.

mercato_firenzeAttualmente i banchi coprono 6 metri quadrati di suolo pubblico, che moltiplicati per 106 occupano una superficie complessiva di 636 metri quadri. La proposta di Stella è diminuire lo spazio dei singoli banchini a 4 mq, risparmiando quindi 232 mq. Così, una volta recuperato spazio, dar vita ad una nuovo assetto: Borgo la Noce 10 posteggi; 5 nel mercato centrale; 2 in piazza Salvemini; 8 nella Loggia del Grano; 20 in piazza san Firenze; 4 in via dell’Ariento; 9 in via Sant’Antonino; 12 in piazza del Mercato Centrale; 3 in piazza Madonna Aldobrandini. Non solo, Stella propone il ritorno dei banchi nei pressi della basilica, visto che vuol sfruttare la forma ad elle di via Canto dei Nelli, sul lato opposto al sagrato della chiesa e dietro le Cappelle Medicee.
“Soprattutto però chiedo che si faccia tutto in fretta: se aspettiamo un altro anno– sottolinea l’azzurro- molto probabilmente chiuderanno altre 20 attività commerciali“. In Toscana, conclude Stella, “si parla di 4.100 attività su area pubblica, per qualcosa come 10.000 addetti. Una realtà che a Firenze è stata completamente abbandonata”.

di Diego Giorgi, giornalista

27 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988