Rossi: ‘modello Riace’ per piccoli comuni dell’Appennino

appennino_montagne_nebbiaFIRENZE – Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi per i piccoli Comuni dell’Appenino e sulla gestione del dossier profughi pensa al modello Riace. Proprio oggi, il governatore toscano ha incontrato il sindaco del piccolo centro in provincia di Reggio Calabria, Domenico Lucano assieme al presidente di Anci Toscana, Matteo Biffoni e a una delegazione di amministrazioni locali. “Questa visita- ha detto Rossi, secondo quanto riferisce una nota della Giunta regionale- ci dà lo stimolo a sperimentare in Toscana qualcosa di analogo, per dare aiuto al ripopolamento di alcuni Comuni, soprattutto quelli dell’Appennino. Ma anche per offrire ai migranti- ha aggiunto-, quelli già riconosciuti come rifugiati o comunque in possesso di un permesso umanitario e quindi regolarizzati per un periodo di tempo lungo, la possibilità di insediarsi, di fare formazione, di svolgere attività. Una presenza che può riattivare borghi e paesi sia in termini di attività commerciali ma anche di servizi, penso soprattutto alle scuole”.
matteo-biffoniUn’analisi che per Rossi può essere lo spunto per un’azione concreta in Toscana: “Con i sindaci credo ci sia stato un apprezzamento unanime di questa iniziativa che proveremo a mettere in pratica. È un esempio da seguire– ha concluso-, ci riusciremo anche noi”. Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, ha ricordato di aver temuto che “in così breve tempo non sarebbe stato possibile illustrare e spiegare il modello. Questa visita dalla Toscana è stata un’iniziativa bellissima. Mi auguro ne siano nati spunti per realizzare anche in Toscana qualcosa di analogo”.  Per Matteo Biffoni “era doveroso per Anci Toscana accompagnare alcuni dei nostri sindaci per vedere con i propri occhi e parlare con il protagonista di questa esperienza. La Toscana sta facendo la propria parte nell’accoglienza dei migranti. ma poiché la situazione diventerà sempre più complessa, diventa necessario affinare i propri strumenti, essere sempre più efficaci e trovare soluzioni con l’aiuto del territorio. Quella di Riace potrebbe essere un’esperienza ripetibile da noi”.

Carlandrea Poli, giornalista

26 Aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»