Lazio

Esce libro verità del ‘marziano’ adesso molti politici tremano

arrivo Marino in Campidoglio

ROMA – “Un libro esplosivo, ma niente affatto scandalistico, ricco di rivelazioni e retroscena sui passaggi anche piu’ minuti della politica romana, e non solo. Un libro destinato a restare a lungo al centro del dibattito pubblico”. L’ex sindaco Ignazio Marino cacciato dal Pd romano ha scritto la sua verita’. Lo ha fatto in un libro, ‘Un marziano a Roma’, che sara’ presentato mercoledi’ 30 marzo alle 11 all’Associazione della stampa estera, in via dell’Umilta’ 83/c. “Nella vita sono sempre stato un testardo. E i testardi possono vincere o perdere ma non riescono a galleggiare: emergono o affondano” si legge nella nota di presentazione della Feltrinelli.

Che sindaco e’ stato Ignazio Marino? “Un sindaco fuori posto, non capito da tutti i romani e accoltellato dal suo stesso partito? O un uomo onesto, assediato dal sistema di potere di Mafia Capitale, sostenuto dai cittadini e tradito clamorosamente da chi lo doveva difendere? Un sognatore ingenuo, un duro e puro, un tecnico, un politico, un marziano a Roma? Il sogno spezzato della sua amministrazione, da quando strappo’ il Campidoglio a Gianni Alemanno fino alla sua decadenza, ha tenuto banco per mesi su tutti i media nazionali e internazionali, in un crescendo di attenzione che ha reso il sindaco Marino una delle figure piu’ riconoscibili e dibattute”. A distanza di pochissimi mesi dal clamoroso epilogo del suo mandato, prosegue la nota “con i consiglieri comunali del Pd spediti dal notaio a dimettersi insieme a consiglieri dell’opposizione, Ignazio Marino ha scritto la sua verita’. Il racconto, duro e senza censure, delle resistenze che ha trovato e che alla fine lo hanno eliminato; l’analisi, punto per punto, di una stagione di governo della citta’ che voleva marcare un cambiamento assoluto; il ricordo, commosso e grato, di tutti coloro (cittadini e assessori) che hanno partecipato insieme a lui a questa avventura, e lo hanno sostenuto fino in fondo”.

25 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»