A Roma in mostra cento opere sul corpo e l’immagine femminile

L'esposizione, che resterà aperta fino al 13 ottobre 2019, è una riflessione sulla figura femminile attraverso la visione di artisti di fine Ottocento e Novecento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da oggetto da ammirare, in veste di angelo o di tentatrice, a soggetto misterioso che si interroga sulla propria identità, fino alla nuova immagine nata dalla contestazione degli sessanta. Di questo parla ‘Donne. Corpo e immaginazione tra simbolo e rivoluzione’ inaugurata stamani alla Galleria d’arte moderna di Roma di via Francesco Crispi. L’esposizione, che resterà aperta fino al 13 ottobre 2019, è una riflessione sulla figura femminile attraverso la visione di artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e culturali tra fine Ottocento e lungo tutto il Novecento.

La mostra, infatti, presenta circa 100 opere – tra dipinti, sculture e fotografie – di cui alcune mai esposte prima, provenienti dalle collezioni d’arte contemporanea capitoline ma anche, come nel caso de ‘Il remo e la pala’ di Fausto Pirandello, dal Museo del Novecento di Milano. Tra le opere più importanti, hanno sottolineato le curatrici della mostra Arianna Angelelli, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, ‘Le vergini savie e le vergini stolte’ di Giulio Aristide Sartorio, ‘L’angelo dei Crisantemi’ di Angelo Carosi, ‘Il dubbio’ di Giacomo Balla ma anche le solitudini esistenziali dipinte da Mario Mafai, Luigi Trifoglio e Baccio Maria Bacci. Il percorso espositivo è accompagnato da videoinstallazioni e documenti filmici provenienti dall’Archivio dell’Istituto Luce e dalla Cineteca di Bologna. Tra aprile e ottobre saranno infine organizzate letture e performance sulle tematiche affrontate dalla mostra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»