Minori, tutele in conflitti tra genitori. Ecco proposta legge Di Biase

Di Biase: “La mia proposta di legge ha l’obiettivo di prevenire la conflittualita’ genitoriale

Condividi l’articolo:

ROMA – “La mia proposta di legge ha l’obiettivo di prevenire la conflittualita’ genitoriale, mettendo al centro il minore attraverso una serie di azioni positive. La Regione Lazio puo’ promuovere sportelli d’ascolto e intervenire su un momento purtroppo molto comune nella vita delle famiglie e delle coppie. Nel periodo della separazione, infatti, troppo spesso assistiamo al fatto che i figli vengano utilizzati quasi come un’arma contro l’uno o l’altro genitore”. Lo ha spiegato Michela Di Biase, consigliera regionale del Partito democratico, che oggi ha presentato la sua proposta di legge ‘Disciplina degli interventi per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della conflittualita’ genitoriale a favore del benessere psico-fisico e della tutela dei minori’.
“Questa legge- ha aggiunto intervistata dall’agenzia Dire- interviene proprio rispetto a questo momento che ormai e’ quasi considerato comune in moltissime delle famiglie italiane. Il minore deve essere al centro, deve essere tutelato e attraverso questo testo possiamo promuovere azioni che tengano conto e che soddisfino le esigenze del minore”. Tra gli interventi previsti dalla proposta Di Biase, “la creazione di sportelli in cui i genitori e soprattutto i figli minori possano essere aiutati in un momento particolare della loro vita, progetti all’interno delle scuole, perche’ reputiamo che la scuola sia davvero il luogo dove si possano aiutare le famiglie a superare questo momento difficile- specifica la consigliera dem- la formazione del personale docente specialmente nelle scuole elementari e materne e anche la formazione del personale del sistema sanitario nazionale, come i pediatri di base, perche’ e’ giusto che anche loro possano essere formati rispetto a questo tema”.

Leggi anche:

21 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»