VIDEO | Memoria, studenti a Birkenau con i sopravvissuti

I 100 ragazzi delle scuole superiori in viaggio con il Miur oggi sono in visita a Birkenau e Auschwitz. Con loro ci sono Andra e Tatiana Bucci, le più giovani italiane a essere sopravvissute ai campi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CRACOVIA (Polonia) – Con la visita al campo di Birkenau è entrato nel vivo il viaggio della Memoria organizzato dal Miur. Sotto una fitta nebbia e con una temperatura scesa a 10 gradi sotto lo zero, i circa 100 studenti delle scuole hanno affrontato il giorno più lungo e più impegnativo. Sia a livello fisico che emotivo.

Attraverso i racconti dello storico della Shoah, Marcello Pezzetti, e di Andra Bucci – una delle sorelle sopravvissute ai campi, insieme a Tatiana – i ragazzi hanno toccato con mano l’orrore compiuto dal regime nazista. Ascoltare i ricordi di chi quell’inferno lo ha vissuto in prima persona non è come leggerlo sui libri: “Ogni volta che torno qui– ha raccontato Andra Bucci all’agenzia Dire- la sensazione è sempre la stessa. Il senso di angoscia non si affievolirà mai“. Tuttavia, “continuerò a portare la mia testimonianza finché le forze me lo permetteranno. È importante che le nuove generazioni attraverso la conoscenza imparino il rispetto, la tolleranza e l’amore per il prossimo”. Andra – che all’epoca della deportazione aveva appena 4 anni – ha ripercorso i terribili momenti dell’arrivo dentro al campo. Il vagone, l’assordante abbaiare dei cani delle SS, la selezione, la separazione dalla madre, l’odore nauseabondo durante tutto il viaggio durato per settimane. 

LEGGI ANCHE: Il ghetto di Cracovia e piazza delle Sedie, chiusa prima giornata del viaggio della memoria

Una studentessa, ieri sera, dopo la proiezione del film di animazione ‘Le stelle di Andra e Tati’ ha chiesto alla prima come avessero fatto a non impazzire. “Quando ti trovi in un contesto del genere- ha spiegato- sei troppo impegnato a sopravvivere per pensare a impazzire. Poi i bambini sono più in grado di adattarsi alle situazioni, e noi siamo riuscite a trarre felicità anche dalle cose più piccole”.

Andra e Tati sono le più giovani italiane a essere sopravvissute ai campi: “Dopo questa esperienza- ha raccontato ancora Andra- abbiamo avuto una vita normale. Siamo state fortunate, eppure da tutto questo siamo marchiate”. Dentro e fuori. “Ci chiedono perché non ci siamo cancellate il tatuaggio: non possiamo farlo, fa parte di noi. Come un neo”.

Ad accompagnare i ragazzi, oltre ai rappresentanti del Csm, dell’Anm e dell’Ucei, anche il capo Gabinetto del Miur, Giuseppe Chiné: “Il Miur deve educare i ragazzi e far conoscere anche la storia tremenda del Novecento. È un viaggio di ricordo che permette agli studenti di condividere le testimonianze. Un conto è studiare a scuola- ha aggiunto- un’altra cosa è vedere con i propri occhi l’orrore e ascoltare i racconti dei sopravvissuti”.

LEGGI ANCHE: Memoria, a Cracovia il viaggio di 100 studenti nei luoghi degli orrori nazisti

A chiudere la due giorni tra Cracovia e i campi di sterminio nazisti, la visita al museo di Auschwitz. Qui gli oltre 100 studenti delle scuole di tutta Italia, dopo aver ascoltato le testimonianze delle sorelle Andra e Tatiana Bucci a Birkenau, hanno visto con i loro occhi ciò che è rimasto di uno dei più grandi genocidi del 900. Un mucchio di occhiali, protesi, scarpe (molte delle quali appartenute a bambini) e capelli. Questo è quanto esposto nelle vetrine dei blocchi del campo di Auschwitz, ieri luogo di morte per oltre un milione e 100mila persone, oggi spazio espositivo che quelle persone ha il compito di ricordarle.

Di particolare interesse, il blocco dedicato ai rom, sinti e caminanti anch’essi vittime della ferocia nazista. “Qui sono morti 20mila rom- ha detto Santino Spinelli, presidente ‘FederArteRom’- e se ne parla solo da qualche anno. Noi siamo gli unici ad aver fatto una rivolta dentro al campo: centinaia di donne e uomini si sono battuti contro le SS solo con pietre, sassi e la forza delle mani”. Al termine della visita, le autorità del Miur, dell’Ucei, dell’Anm e del Csm hanno deposto una corona di fiori nel cosiddetto ‘muro della morte’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»