Chef Rubio pastore tatuato nel presepe di San Gregorio Armeno - DIRE.it

Campania

Chef Rubio pastore tatuato nel presepe di San Gregorio Armeno

ROMA –  Chef Rubio pastore tatuato nel tradizionale presepe di San Gregorio Armeno: nella celebre strada degli artigiani presepisti di Napoli, arriva a grande richiesta la statuetta del cuoco di ‘Unti e Bisunti’.

Una fattura policroma stile 700 napoletano, finemente realizzata dal maestro Marco Ferrigno, tra i caposcuola nell’arte della terracotta partenopea con una tradizione di famiglia iniziata nel 1836. La versione presepiale di Chef Rubio “è senza dubbio la più richiesta del Natale 2015”, segnala una nota.

La domanda, infatti, è partita dal web nei primi giorni di dicembre, quando il popolare cuoco televisivo di Dmax ha postato sui suoi seguitissimi profili social uno scatto che lo ritrae a petto nudo con un agnellino sulle spalle. Una foto bucolica che intendeva celebrare il carisma di Rubio sul suo pubblico e followers, come un pastore che guida le sue greggi.

Immediata la reazione del web, che con un corto circuito di migliaia di ‘like’ ha attraversato tutti i profili social dello Chef. Da Facebook a Twitter a Instagram si sono moltiplicati i ‘meme’ del moscoforo Rubio e la richiesta di una statuetta a #SanGregorioArmeno è diventata virale. Il maestro Marco Ferrigno, sempre attento all’attualità, e tra i più produttivi nel trasformare in pastori i personaggi della politica, dello spettacolo, calciatori e showgirl ha subito intercettato la richiesta del pubblico ed ecco che ha accontentato il pubblico di Chef Rubio. “Con una posa così naturalmente presepiale- commenta Ferrigno- mi è sembrato inevitabile un riconoscimento a Rubio che con il suo programma ha saputo dare la giusta evidenza alla tradizione culinaria che vive proprio qui, nei vicoli del nostro centro storico di Napoli, a San Gregorio Armeno”.

LEGGI ANCHE:

20 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»