Manovra, Di Maio: “La Lega non vuole il condono, amici ritrovati”

ROMA – “Mi fa piacere che la Lega non voglia il condono, questo li rende degli amici ritrovati e ripartiamo”. Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio, parlando con i giornalisti fuori da Palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE: Alta tensione nel governo, Salvini: “Chiederò al Cdm una copia scritta del decreto”

“In Cdm chiariremo la questione della pace fiscale, daremo due copie a Salvini così questa volta non si sbaglia. Anche perchè- aggiunge- si smetta con questa storia della panna montata, non la buttiamo in caciara: in Cdm quell’articolo 9 non è mai stato letto nel dettaglio ma sono stati enunciati i principi generali dell’accordo. Smettiamola. Andiamo in Cdm, togliamo il condono per gli evasori, lasciamo la pace fiscale come è scritta nel contratto e poi si va avanti: siamo stati una testuggine e saremo una testuggine come governo”.

DI MAIO: NESSUN RIPENSAMENTO, DEFICIT/PIL RESTA 2,4%

“Smentisco qualsiasi tipo di ripensamento sul rapporto deficit/pil al 2,4%”. Così il vicepremier, Luigi Di Maio, parlando davanti a Palazzo Chigi prima dell’inizio del Consiglio dei ministri.

DI MAIO: MOODY’S? SORRIDO, ITALIA HA RISPARMIO SOLIDO

“Il responso di Moody’s lo accolgo con un grande sorriso, ce l’aspettavamo. Ad ogni modo si parla di un Italia con un risparmio solido”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, parlando con i cronisti fuori palazzo Chigi.

20 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»