Pelino (Anorc Professioni): “Articolo 32 bis del codice Privacy non andava tolto”

ROMA – “L’articolo 32 bis del vecchio Codice della Privacy non c’e’ piu’ perche’ e’ stato abrogato, benche’ la delega data al governo non prevedesse che si andasse fuori dai limiti del regolamento”. Questa l’osservazione alla base dell’intervento di Enrico Pelino, componente del Consiglio direttivo dell’Elenco Professionisti della Privacy, nel corso del ‘Primo workshop nazionale di ANORC Professioni’ organizzato a Lecce lo scorso 14 settembre, durante cui si e’ approfondito il nuovo Regolamento Ue 679/2016, introdotto nell’ordinamento italiano col decreto 101/2018 e in vigore dallo scorso 19 settembre.

“Quell’articolo era legato alla trasposizione nazionale di un atto normativo che non c’entra nulla con il Regolamento- ha detto l’avvocato Pelino– che e’ la direttiva 2002/58. A mio avviso avrebbe dovuto essere conservato anche solo per una questione di opportunita’. Soltanto l’anno scorso abbiamo avuto un provvedimento fondamentale del garante sul 32 bis. È vero che la riforma della direttiva 2002/58 prevedera’ comunque l’eliminazione della fattispecie, ma in futuro, perche’ e’ una riforma ancora in cantiere. Io- ha concluso- ho semplicemente sollevato una questione che secondo me merita approfondimento giuridico”.

Rispetto all’introduzione del nuovo Codice, Pelino ha commentato: “Sono molte in realta’ le linee di continuita’ con il passato, ed e’ chiaro che ci sono delle novita’ importanti. Credo che nei prossimi mesi, anche con questo decreto 101/2018, che finalmente crea un ponte che mancava tra il regolamento, la normativa nazionale e alcuni istituti della normativa nazionale, si potra’ cominciare a fare un primo bilancio. Ora siamo ancora in una fase di test, mi aspetto che si faccia un tagliando a dicembre”. Il prossimo appuntamento con l’aggiornamento professionale su privacy e digitalizzazione e’ per giovedi’ 27 settembre a Palermo, con un nuovo workshop territoriale targato ANORC Professioni, presso la sede di ConfCommercio Imprese per l’Italia Palermo.

20 Set 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»