AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

In Emilia Romagna il sindaco più amato è Muzzarelli, Merola perde il 6%

G. Muzzarelli

G. Muzzarelli

BOLOGNA – E’ il modenese Gian Carlo Muzzarelli il sindaco più gradito tra quelli che governano i grandi Comuni dell’Emilia-Romagna. Lo dice la nuova classifica sul consenso percentuale ottenuto dai primi cittadini d’Italia, a confronto col risultato elettorale, pubblicata oggi dal “Sole 24 Ore”.

Tra gli altri numeri, spicca il -6% di consenso per il sindaco di Bologna Virginio Merola, fermo al 98esimo posto nazionale, ma in termini di gradimento è il riminese Andrea Gnassi, 93esimo, che perde di più (-7%).

L’edizione 2015 del Governance poll, elaborata da Ipr Marketing, per quanto riguarda l’Emilia-Romagna vede dunque in testa Muzzarelli col 60% di consenso rispetto al 63,1% del giorno delle elezioni un anno fa (ballottaggio). Dunque, l’ex assessore regionale risulta settimo in Italia (a pari merito coi primi cittadini di Lecce, Torino, Monza, Biella, Imperia, Padova, Potenza, Sassari) e primo in regione: risultati considerati ottimi in Comune a piazza Grande in queste ore. Restando in Emilia, dopo Muzzarelli in graduatoria compare il collega di Reggio, Luca Vecchi, al 21esimo posto col 58,5% (+2,1% sul 2014, l’anno dell’elezione). Seguono Fabrizio Matteucci a Ravenna al 33esimo posto col 56,5% (+1,5% rispetto al 2011) e il pentastellato Federico Pizzarotti a Parma al 43esimo, che col 55% cala del -5,23% rispetto all’elezione del 2012.

A Ferrara Tiziano Tagliani si piazza col 53,5% al 53esimo posto insieme col collega Paolo Dosi di Piacenza: il primo segna un -2,1% sul 2014, il secondo un -4,3% sul 2012. Subito dopo, col 53%, si trova il forlivese Davide Drei, che registra un -1,3% a confronto a sua volta col voto dell’anno scorso.

L’Emilia-Romagna nella Governance poll 2015 chiude quindi col riminese Andrea Gnassi al 46,5%: -7% rispetto al 53,5% del 2011. Ultimo il sindaco del capoluogo, Virginio Merola: 44,5% di consenso per lui, contro il 50,5% (-6%) del 2011.

 

di Luca Donigaglia

20 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988