Emilia Romagna

Torna la neve in Emilia-Romagna, e c’è anche il pericolo valanghe

BOLOGNA – Neve dai 500 metri di quota, vento forte e mare mosso sull’Adriatico. Torna il maltempo in Emilia-Romagna, con un’allerta valida per tutta la giornata di domani. C’è anche pericolo valanghe: “marcato” sull’Appennino centrale, “moderato” invece in Romagna e sull’Appennino occidentale. Per le 24 ore successive alla mezzanotte di oggi invece sono previsti venti di bora “con intensità forte sul mare e sulla costa ferrarese (50-55 chilometri orari), con mare che diverrà molto mosso sotto costa e localmente agitato al largo (2,5 metri di altezza d’onda)”.

Durante la giornata di domani “deboli nevicate interesseranno i rilievi, soprattutto la parte di crinale, con quota neve attorno ai 500 metri”. Dalla sera le precipitazioni “si manterranno deboli sul settore occidentale, mentre si intensificheranno sul settore centro-orientale, dove le nevicate arriveranno a quote attorno ai 200 metri nella notte, con accumuli previsti di 10-20 centimetri sulle 24 ore sulle zone collinari. Sul crinale i quantitativi saranno compresi tra i 20 e 30 centimetri nelle 24 ore“.

Le precipitazioni, informa ancora Arpae, “insisteranno nella prima parte della giornata di giovedì 22 febbraio con nevicate su tutte le aree montane e collinari fino a quote di 200 metri. Nella seconda parte della giornata le precipitazioni si manterranno nevose sul settore centro-occidentale, mentre diventeranno progressivamente a carattere di pioggia sulla Romagna fino a 800 metri circa”.

20 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»