AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Chikungunya, quello di Roma è un focolaio autoctono

ROMA – A quanto apprende l’agenzia Dire da più fonti sanitarie, Roma è considerata focolaio autoctono di chikungunya, il virus trasmesso dalle zanzare tigre infette. Tra i 7 casi finora accertati nella Capitale ce ne sono alcuni che riguardano persone che non hanno soggiornato nel comune di Anzio (anch’esso focolaio autoctono, ma di grande dimensione) o in altre aree del Lazio, ma si sono ammalate a Roma. Oggi la commissione Ambiente del Comune di Roma ha invece rigettato “l’accusa”, sostenendo – anche con un foglio diffuso durante la seduta – che ‘il focolaio non è a Roma’.

Al momento i casi accertati hanno riguardato il quadrante Est e Sud della Capitale, ma non è escluso che nelle prossime ore ci siano nuove segnalazioni anche da altre zone. Secondo quanto previsto dal piano nazionale di sorveglianza e controllo, nelle aree dove sono stati segnalati casi autoctoni singoli – come a Roma – o focolai epidemici di antivirosi in presenza del vettore, è necessario intervenire con “trattamenti adulticidi (1 ciclo), spaziale con prodotti abbattenti, della vegetazione (erba alta, siepi, cespugli) fino a un’altezza di 3-4 metri; trattamenti su suolo privato e pubblico, all’interno di un’area compresa entro 200 metri di raggio intorno all’abitazione del caso; trattamenti dei focolai larvali non rimovibili con prodotti larvicidi; replica di tutti gli interventi in caso di pioggia; in caso di epidemia ripetere comunque l’intero ciclo dopo la prima settimana, poi seguendo le indicazioni del monitoraggio di larve e adulti; follow-up previsto per tutta la stagione a rischio”.

di Alessandro Melia, giornalista professionista

19 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988