AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Bologna, la Giunta è assente: question time senza risposte

BOLOGNA – Nessun assessore al question time e le opposizioni si arrabbiano.

Questa mattina nessun esponente della giunta Merola (sindaco compreso) si e’ presentato in Consiglio comunale per rispondere alle domande dei consiglieri.

Erano nove i quesiti che aspettavano l’amministrazione: ma tutti i sei assessori che avrebbero dovuto rispondere piu’ il sindaco Virginio Merola (il primo cittadino e’ in aeroporto per un impegno istituzionale) hanno fatto sapere che non sarebbero stati presenti a palazzo D’Accursio per un confronto diretto in Consiglio.

Indignato il consigliere di Insieme Bologna Giulio Venturi che ha postato una foto dei banchi vuoti: “Scandaloso, sono senza parole- ha scritto- Assessori pagati con denaro pubblico, possibile che siano tutti occupati da impegni istituzionali? Il dubbio è forte“.

FRASCAROLI: C’È DISTACCO

La seduta di Question time senza neanche una risposta da parte degli assessori del Comune di Bologna? Dimostra che tra Giunta ed aula “c’è un po’ di distacco”, che andrebbe ricucito con un “maggior dialogo”. Lo dichiara la consigliera di maggioranza Amelia Frascaroli, assessore nello scorso mandato, lasciando l’aula del Consiglio dopo la seduta lampo di stamattina.

Che i rappresentanti della Giunta interessati dalle domande fossero assenti “da una parte lo capisco, sapendo come sono pieni gli assessori- afferma Frascaroli- e sapendo che molte volte dal giovedì a venerdì non si riescono a preparare le risposte, c’è bisogno di più tempo per raccogliere le informazioni e i dati. Se molte domande arrivano al giovedì, è difficile prepararsi in meno di 24 ore”.

Però, “dall’altra parte c’è un po’ di distacco tra la Giunta e il Consiglio- sottolinea la consigliera civica- e forse bisogna ricostruire una vicinanza, con maggior dialogo“.

In aula, durante la seduta, in pochi si soffermano sull’assenza degli assessori.

“Avrei avuto piacere come tutti di poter interloquire direttamente con la Giunta su un tema così caldo”, dice Simona Lembi (Pd), che per il Question time aveva preparato una domanda sulle problematiche di piazza Verdi.

Anche oggi si è verificato “quello che da qualche settimana succede quando si fanno domande al settore di competenza dell’assessore Bruna Gambarelli”, afferma Massimo Bugani (M5s): di domande per lei oggi “ne ho tre, anche stavolta senza risposta”.

Tra i consiglieri del Pd che lasciano l’aula prevalgono gli sguardi imbarazzati e le braccia che si allargano, senza molta voglia di commentare.

Che gli assessori sarebbero stati assenti “lo avevano comunicato. Arriveranno le risposte scritte“, si limita a dire la dem Isabella Angiuli.

GLI IMPEGNI DELLA GIUNTA

Dallo staff del sindaco Virginio Merola, intanto, si fa sapere che il primo cittadino aveva un impegno istituzionale e cioè la consegna del Nettuno d’oro al reggimento Orione dell’Esercito.

Lo stesso vale per la vicesindaco e assessore alla Scuola, Marilena Pillati, impegnata in una cerimonia al cimitero dei polacchi.

L’assessore alla Promozione della città, Matteo Lepore, in agenda aveva un convegno sul turismo. Mancava dall’aula anche il suo collega con delega alla Sicurezza, Riccardo Malagoli, solitamente sempre presente e molto attivo nelle sedute di Question time: stamattina doveva partecipare ad un seminario sulla sicurezza urbana a Rimini e di ciò si era preventivamente scusato già la scorsa settimana. Gli altri assessori interessati dalle domande di oggi erano Irene Priolo (Mobilità) e Virginia Gieri (Casa). Quest’ultima è arrivata a Palazzo D’Accursio a seduta ormai finita: “Avevo da fare, ho finito adesso”.

In aula c’era solo l’assessore Zaccaria (Pari opportunità), che però non aveva domande a cui rispondere: quella di oggi si è rivelata una giornata “particolarmente complicata” che ha visto assommarsi diverse “condizioni sfavorevoli”, dichiara Zaccaria.

19 maggio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988