Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

San Marino

Anziani, Iss: 114 non autosufficienti ospitati nelle case di riposo

anziani

SAN MARINO – Sono 114 i posti riservati ad anziani non autosufficienti in carico all’Unità assistenza residenziale anziani dell’Iss, 70 utenti sono ospiti della casa di riposo interna all’ospedale di Stato, mentre 44 sono i posti convenzionati con il Casale la Fiorina. L’Istituto per la sicurezza sociale dedica una nota alla “buona qualità” dei servizi di ospitalità offerti agli anziani sammarinesi. La sanità pubblica offre infatti “agli ospiti non autosufficienti- sottolinea l’Iss- servizi assistenziali e sanitari qualificati e continuativi in grado di garantire una qualità di vita il più elevata possibile, nel rispetto della loro individualità, dignità e riservatezza, considerando i peculiari bisogni fisici, psichici, sociali e relazionali, promuovendo l’autonomia funzionale, l’inserimento sociale e comunitario e riducendo, per quanto possibile, gli stati di disagio”.

Attualmente, dei 70 ospiti a Cailungo il 76% sono donne e il 24% uomini. Da pochi anni sono stati predisposti anche due posti letto permanenti dedicati ai soggiorni di sollievo“; ovvero “un’offerta- spiega l’Iss- per anziani non autosufficienti che si trovano, a causa di eventi straordinari, sprovvisti del supporto assistenziale necessario a restare al loro domicilio. Il periodo di sollievo può avere una durata massima di 60 giorni in un anno. Per accedere alle graduatorie dei posti disponibili, ogni richiedente deve seguire una valutazione multidisciplinare socio­sanitaria, che determina il grado di non autosufficienza attraverso la scala di valutazione riconosciuta a livello internazionale.

19 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»