Dalle siringhe alla marmellata, quanto risparmia la pubblica amministrazione con gli acquisti Consip

Il ministero dell'Economia mette a disposizione delle pubbliche amministrazioni acquisti agevolati per un paniere di prodotti. E I vantaggi sono notevoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Una riduzione del prezzo d’acquisto fino al 63% per aghi e siringhe, fino al 57% per le stampanti e fino al 30% per la telefonia mobile. Questi i risultati più significativi che emergono dalla rilevazione che il ministero dell’Economia conduce sui prezzi unitari corrisposti dalle pubbliche amministrazioni per l’acquisto di un paniere di prodotti e che consentono l’ottenimento di rilevanti risparmi potenziali di spesa.
 
La rilevazione  è riferita agli acquisti effettuati nel 2017 da un campione di circa 1.330 amministrazioni centrali e locali, è stata realizzata su 23 categorie merceologiche, di cui 18 relative alle convenzioni, 3 relative al Mercato elettronico della Pa e 2 relative al Sistema Dinamico di Acquisto della Pubblica amministrazione.
 
I risultati della rilevazione condotta nell’anno 2018, spiega il Mef, evidenziano ancora una volta e molto chiaramente l’efficacia degli strumenti di acquisto e di negoziazione tramite convenzione Consip che quindi sono più vantaggiosi.
 
Le più significative riduzioni dei prezzi di acquisto riguardano aghi e siringhe (fino a -63% per gli aghi a farfalla con dispositivo di sicurezza e fino a -53% per le siringhe con ago con meccanismo di sicurezza), stampanti (fino a -57% per le stampanti di rete formato A4 colore), autoveicoli in acquisto (fino a -39% per Van derivate da vetture, minifurgoni, veicoli multifunzione trasporto merci e/o persone), telefonia mobile (fino a -30% per il traffico voce).
 
Calano i costi anche negli arredi, con un -26% sul prezzo delle sedie dei dirigenti. Nel paniere non poteva mancare il cibo: calano i prezzi di acquisto su dolci, confetture e marmellate (-20%), sui prodotti ortofrutticoli freschi (-18%) e sui prodotti lattiero caseari (-11%).
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»