AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE sardegna

Infuria la polemica su Budelli, Uras (Sel): “Storia di ordinaria follia burocratica”

budelliROMA – “La vicenda di Budelli e’ una storia di ordinaria follia burocratica. Un bene paesaggistico inestimabile, per la Sardegna, per l”Italia e per l”Europa, un patrimonio da preservare per l’intera umanita’ trattato come un qualsiasi prodotto commerciale, svenduto ad un’asta a uno dei tanti magnati finanziari che trattano il mondo come una loro esclusiva proprieta’”. Lo dice il senatore sardo di Sinistra Ecologia Liberta’, Luciano Uras. “Tutto questo grava di pesanti ingiustificabili responsabilita” il ministero dell”Ambiente, l”Ente Parco della Maddalena, la Regione Sarda e l”assessorato dell”Ambiente della medesima Regione- dice Uras- uffici pubblici preposti alla tutela dei beni culturali e paesaggistici hanno, con la loro incomprensibile inerzia e trascuratezza, tradito la volonta” popolare espressa in Parlamento che aveva approvato ad ampia maggioranza la norma ”salva Budelli”, assegnando la proprieta” pubblica dell”isola alla gestione del Parco nazionale dell”Arcipelago Maddalenino.” Cio’ detto, “mi auguro che il Presidente della Regione Pigliaru difenda, senza alcun indugio, la Sardegna e i Sardi da questo esproprio che offende profondamente la dignita’ stessa del nostro popolo, impedendo con qualsiasi mezzo la privatizzazione di Budelli- conclude l’esponente di Sel- chi e’ colpevole di questo imperdonabile pasticcio, di aver trattato uno dei simboli piu’ chiari della bellezza della natura mediterranea come una qualsiasi pratica burocratica, si faccia da parte senza aspettare di essere cacciato”

16 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988