AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Santa Marinella, sfilata Porshe al castello di Santa Severa

ROMA – Le Porsche 356 sfilano al Castello di Santa Severa. Domenica, 17 settembre, dalle ore 11, si terra’ infatti al Castello di Santa Severa il Raduno nazionale del Registro italiano Porsche 356, organizzato in collaborazione con Daniele Padelletti promotore del Circuito storico di Santa Marinella ‘Trofeo Dolce Vita’. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Santa Marinella e della Regione Lazio.

I ‘Club Porsche 356′ sono 16 nel mondo, quello italiano nato nel 1982 e’ riconosciuto dalla casa madre ed e’ attualmente e’ il secondo in Europa per numero di soci iscritti, dopo la Germania, dove negli Anni 50, sono nati i primi club di appassionati e terzo nel mondo, dietro al mitico Type 356 negli Stati Uniti.

Gli organizzatori “ringraziano per la collaborazione il sindaco Roberto Bacheca, il delegato al Castello, Emanuele Minghella, LazioCrea, Coopculture e il Registro italiano Porsche 356. Si ringrazia inoltre l’artista locale Bruno Beltramo che fara’ dono di una sua opera d’arte”.
L’evento, che costituisce un grosso richiamo per tutti gli appassionati di automobili, si svolgera’ secondo il seguente programma: ore 11 arrivo degli equipaggi e allineamento al piazzale del Castello di Santa Severa; ore 11.30 visita guidata del Castello riservata ai partecipanti del raduno; ore 12 conferimento di targhe e onorificenze da parte del sindaco Roberto Bacheca, del delegato al Castello di Santa Severa, Emanuele Minghella, e dell’ideatore del Circuito storico Santa Marinella, Daniele Padelletti, al presidente del Registro italiano Porsche, Renzo Ponzanelli.

Con l’occasione sara’ annunciata la 2a edizione del ‘Trofeo Dolce Vita’ del Circuito storico di Santa Marinella, intitolato questa volta a Guglielmo Marconi e di cui sara’ madrina la principessa Elettra Marconi, gia’ cittadina onoraria di Santa Marinella.

15 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988