Mondo

Russia, Ambasciatore Razov: “Governo italiano sia ponte con Ue”

RUSSIA. AMBASCIATORE RAZOV : GOVERNO ITALIANO SIA PONTE CON UE
DIPLOMATICO A ROMA: COOPERAZIONE RIPARTA, IN CANTIERE PROGETTI
(DIRE) Roma, 15 giu. – “La Russia conta sul fatto che l’Italia, forte dei nostri storici rapporti di amicizia, giochi quel ruolo di ponte con l’Europa, in grado di superare le tensioni attuali.
La Russia ha in cantiere molti progetti economici transfrontalieri, percio’ auspichiamo anche che grazie al nuovo governo Lega-M5S, la cooperazione economica e politica con l’Italia riparta”. Lo ha detto Sergev Razov, ambasciatore della Federazione russa, intervenuto stamani al Quarto seminario eurasiatico di Roma.
Razov ha continuato: “Abbiamo seguito con grande attenzione le elezioni del 4 marzo e il complesso processo di formazione del governo, dal momento che consideriamo l’Italia il nostro partner chiave in Europa. Contiamo che la nuova posizione verso la Russia espressa dal premier Conte nel corso dell’ultimo summit del G7, basata sul dialogo politico, possa contribuire a migliorare anche i rapporti con l’Unione europa. Ci aspettiamo che questo ruolo di mediazione si concretizzi in seguito al Consiglio europeo del 28 e 29 giugno”, quando si decideranno anche eventuali nuove sanzioni, proposte ieri alla plenaria del parlamento europeo.
“L’ambasciata sta lavorando attivamente per instaurare rapporti nuovi con i nuovi funzionari di governo” ha proseguito Razov. “Durante la campagna elettorale alcuni media hanno parlato di presunte influenze russe nelle elezioni italiane, ma per fortuna queste polemiche sono svanite. D’altronde erano state lanciate ad arte da chi voleva rovinare i nostri rapporti”.
(Alf/Dire)
RUSSIA. L’AMBASCIATORE RAZOV: CON L’ITALIA SI TORNI A COOPERARE DIPLOMATICO: PRONTI A LAVORARE CON COMMISSIONE INTERGOVERNATIVA
(DIRE) Roma, 15 giu. – “Non e’ mio compito valutare il nuovo governo italiano, ma seguiamo con interesse e aspettiamo di vedere quello che fara’. Noi siamo pronti a lavorare insieme. Il nostro auspicio e’ che la Commissione intergovernativa per la cooperazione economica tra i nostri Paesi riprenda a funzionare presto”. Cosi’ all’agenzia ‘Dire’ Sergey Razov, ambasciatore della Federazione russa in Italia, intervistato a margine del Seminario eurasiatico, organizzato a Roma dall’associazione Conoscere Eurasia.
La Commissione, prosegue Razov, e’ “un organo molto importante. Da parte nostra, abbiamo gia’ nominato il presidente, Denis Manturov, che e’ anche l’attuale ministro dell’Industria e del commercio, uno dei ministeri chiave nel nostro governo.
Aspettiamo di vedere chi sara’ la controparte italiana. Nel quadro di questa Commissione sono attivi anche sette gruppi interministeriali che seguono aree concrete i cooperazione bilaterale”.
(Alf/Dire) 15:39 15-06-18
NNNN
RUSSIA. L’AMBASCIATORE RAZOV: CON L’ITALIA SI TORNI A COOPERARE/FT DIPLOMATICO: PRONTI A LAVORARE CON COMMISSIONE INTERGOVERNATIVA
(DIRE) Roma, 15 giu. – “Non e’ mio compito valutare il nuovo governo italiano, ma seguiamo con interesse e aspettiamo di vedere quello che fara’. Noi siamo pronti a lavorare insieme. Il nostro auspicio e’ che la Commissione intergovernativa per la cooperazione economica tra i nostri Paesi riprenda a funzionare presto”. Cosi’ all’agenzia ‘Dire’ Sergey Razov, ambasciatore della Federazione russa in Italia, intervistato a margine del Seminario eurasiatico, organizzato a Roma dall’associazione Conoscere Eurasia.
La Commissione, prosegue Razov, e’ “un organo molto importante. Da parte nostra, abbiamo gia’ nominato il presidente, Denis Manturov, che e’ anche l’attuale ministro dell’Industria e del commercio, uno dei ministeri chiave nel nostro governo.
Aspettiamo di vedere chi sara’ la controparte italiana. Nel quadro di questa Commissione sono attivi anche sette gruppi interministeriali che seguono aree concrete i cooperazione bilaterale”.
(Alf/Dire) 16:47 15-06-18
NNNN

15 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»