Roma, botte e insulti razziali a un fisioterapista. Aifi: “Solidarietà al collega”

"Esprimo a Mohamed tutta la mia solidarietà e quella dell'Associazione, augurandogli una veloce guarigione" dice il presidente di AIFI, Mauro Tavarnelli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti, esprime la propria “vicinanza e solidarietà” al collega vittima di una aggressione il 4 marzo scorso a Roma. Il dottor Mohamed Ali Fayaz Ahamed, fisioterapista di nazionalità indiana, in zona Prenestina è stato avvicinato da tre ragazzi: il gruppo lo ha minacciato per farsi consegnare del denaro e, di fronte alla sua resistenza, ha iniziato a picchiarlo rivolgendogli gravi insulti razziali. 

Fayaz Ahamed è stato curato al policlinico Umberto I, dove è rimasto in osservazione per 12 ore e ha ricevuto una prognosi di 10 giorni per le lesioni riportate. Successivamente è stata sporta denuncia alla stazione dei Carabinieri di Tor Bella Monaca. 

“Siamo costernati per la violenza che ha colpito il nostro collega, aggravata da preoccupanti espressioni di razzismo- dice il presidente di AIFI, Mauro Tavarnelli- Esprimo a Mohamed tutta la mia solidarietà e quella dell’Associazione, augurandogli una veloce guarigione. Colgo l’occasione per condannare ogni forma di razzismo come indegna manifestazione di inciviltà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»