AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE MUSICA

“Despacito” da record, è il primo video a raggiungere 4 miliardi di visualizzazioni

ROMA – Chi pensava che del tormentone di Luis Fonsi e Daddy Yankee non se ne sarebbe più sentito parlare una volta superata l’estate si sbagliava. Infatti durante la notte dell’11 ottobre “Despacito” ha segnato un nuovo record: è infatti il primo video a totalizzare 4 miliardi di visualizzazioni su YouTube. E non sembra che il fenomeno sia destinato ad arrestarsi, per quello che è diventato il brano latinoamericano più amato e odiato degli ultimi tempi.

“Despacito”, nel bene o nel male tutti ne parlano

Un fenomeno musicale di massa come quello di “Despacito” non si registrava in Italia probabilmente dai tempi di Gangnam Style. Da almeno sei mesi a questa parte è infatti praticamente impossibile per chiunque non conoscere la melodia di questa canzone. Riproposta in continuazione da tutte le radio,  il tormentone è diventato quasi una maledizione per i non amanti dei ritmi caraibici, costretti a sentire questa canzone in qualsiasi luogo. A incarnare in maniera ironica l’odio verso “Despacito” ci ha pensato il mondo del web, con le tante parodie della canzone che hanno allietato i pomeriggi di molti, durante la calda estate appena trascorsa.

La più popolare probabilmente è quella che hanno realizzato i videomaker partenopei, “The Jackal”, che sono riusciti a coinvolgere lo stesso Fonsi nella loro web serie,  il quale, simpaticamente, si è prestato allo scherzo.

Tutti i record di “Despacito”

Numerosi sono i record conquistati dal tormentone durante l’estate 2017, a partire da quello per il brano più ascoltato in streaming. Il 4 agosto “Despacito” diventa quindi il video più visto di sempre su You Tube, sorpassando  See You Again di Wiz Khalifa e Charlie Puth.

Su varie piattaforme il singolo ha inoltre totalizzato più di 4,6 miliardi di click, battendo Justin Bieber.

12 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988