Tg Politico, edizione dell'11 febbraio 2019 - DIRE.it

Tg Politico, edizione dell’11 febbraio 2019

I titoli e il tg politico della Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it

SALVINI: ORA NIENTE RIMPASTO, VOTO EUROPEE E’ POLITICO

Matteo Salvini tranquillizza i Cinque stelle sulla tenuta dell’esecutivo. Nelle regionali abruzzesi il partito di Luigi Di Maio dimezza la percentuale rispetto alle politiche di un anno fa, passando dal 40 al 20 per cento. La Lega, invece, raddoppia i voti, passando dal 13 al 27 per cento. “Non chiediamo rimpasti o ministri. L’equilibrio non cambia”, dice il vicepremier in conferenza stampa a Montecitorio. Ma la resa dei conti in maggioranza potrebbe essere rinviata solo di qualche mese. Se e’ difficile attribuire significato politico alle elezioni regionali, spiega il titolare del Viminale, vale il contrario per le europee. “Quelle si’ hanno significato politico”, spiega Salvini.

PARLA IL PREMIER CONTE: IO GARANTE DELLA COESIONE NAZIONALE

Il giorno dopo il voto in Abruzzo, il presidente del consiglio Giuseppe Conte in visita nel Molise, in Basilicata e in Sardegna ricorda di essere “il garante della coesione nazionale”. Conte sottolinea che il governo rinforzera’ l’autonomia di alcune regioni ma in modo ragionevole e razionale per preservare l’unita’ del Paese. “Non sottrarremo nulla al Sud, riconosceremo specifiche competenze ad alcune Regioni del Nord. Ma non pregiudichiamo il quadro complessivo dello Stato”, assicura il premier.

ITALIANI ATTENTI ALLE NEWS LOCALI, L’APPELLO DI CRIMI

In Italia l’86% dei cittadini si informa abitualmente su fatti locali. E’ quanto emerge da una indagine dell’Agcom sull’informazione locale. Ed è proprio da qui che il sottosegretario all’Editoria, Vito Crimi, vuole rilanciare il settore. Le news dei territori intercettano il bisogno dei lettori di avere un rapporto diretto. Così come i social. “Gli editori devono capire come va il mondo altrimenti sarà una sconfitta”, ha detto il sottosegretario che ha annunciato gli stati generali a marzo.

LA PROPOSTA, CANI E GATTI NELLO STATO DI FAMIGLIA

Una proposta di legge per inserire cani e gatti all’interno dello stato di famiglia. A presentarla la deputata di Forza Italia Michela Brambilla, nota per le sue battaglie animaliste. La norma prevede che gli animali registrati nelle anagrafi territoriali degli animali entrino a far parte della famiglia anagrafica. Gli animali da compagnia troveranno spazio anche nel censimento annuale Istat. Secondo i dati Eurispes 3 italiani su 10 convivono con un animale domestico.

SANREMO VISTO DAI SOVRANISTI: BASTA RADICAL CHIC

Non accenna a scemare l’alone polemico che accompagna il festival di Sanremo. La vittoria di Mahmood ispira le reazioni piccate del fronte sovranista. Per Matteo Salvini e Luigi Di Maio i radical chic non hanno fatto decidere gli italiani. In difesa dell’artista milanese arriva Rosario Fiorello: “Chi ha vinto ha vinto. Non dovrebbe interessare da dove viene, chi è il padre, la madre, il paese d’origine, l’orientamento sessuale…”, dice.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

11 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»