Ostia, giornalisti in piazza: "La misura è colma". Continua la campagna #Abbracciaungiornalista - DIRE.it

Politica

Ostia, giornalisti in piazza: “La misura è colma”. Continua la campagna #Abbracciaungiornalista

#abbracciaungiornalista


ROMA – Questa volta la misura è colma. Insultati non raramente da esponenti politici, spintonati da militanti ed ultrà di partiti e movimenti. Infine aggrediti fisicamente come successo qualche giorno fa alla troupe della Rai davanti alla Femus boxe, la palestra degli Spada. Questa volta i giornalisti hanno detto basta e sono scesi in piazza, proprio sul luogo dell’aggressione, per una manifestazione organizzata da Dino Giarrusso, inviato de ‘Le Iene’, a cui hanno aderito Associazione stampa romana, l’Unione cronisti italiani, Rete No bavaglio ma soprattutto decine e decine di giornalisti in forma spontanea.

LEGGI ANCHE: #abbracciaungiornalista, anche il presidente dell’ordine Carlo Verna invia il suo ‘abbraccio’

“Quello di tre giorni fa è stato l’ennesimo atto intimidarorio nei confronti di chi fa un lavoro, non un hobby- ha spiegato proprio Giarrusso- in questo lavoro più sei rompiscatole, tra virgolette, più rischi. Le domande non piacciono ma il giornalismo deve essere libero invece in questo caso si è superato il limite. Ho quindi organizzato questa manifestazione sperando che serva a ricordare che il giornalismo è una componente essenziale della democrazia”.

La manifestazione si è svolta tranquillamente, senza tensioni, proprio davanti alla Femus boxe, la palestra degli Spada chiusa e presidiata da due carabinieri mentre pochi metri più in là la situazione veniva monitorata da diversi agenti della Polizia. In piazza decine e decine di giornalisti e cronisti di televisione, radio, agenzie, e quotidiani.

CONTINUA LA CAMPAGNA #ABBRACCIAUNGIORNALISTA

Continua intanto la campagna lanciata dall’agenzia Dire #abbracciaungiornalista. Diventata trend topic nella giornata di ieri, la campagna vuole sensibilizzare l’opinione pubblica contro i continui attacchi e le aggressioni alla categoria dei giornalisti.

10 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»