Roma, Taverna: “Mia madre sta agendo bene”

ROMA – “Oggi Repubblica ha attaccato pesantemente me e mia madre, una donna di 80 anni, una donna che percepisce una pensione minima. Ed e’ una donna che vive in una casa popolare dove ho vissuto io per tanti anni finche’ non mi sono sposata. In quella casa ci siamo cresciuti io e mia sorella e in quella casa c’e’ morto anche mio padre”. Lo dice Paola Taverna (M5s), vicepresidente della Camera, in un video su facebook.

Leggi anche: Roma, la madre della senatrice M5S Taverna in un alloggio popolare? Raggi: “Faremo indagini e applicheremo la legge”

“Qualche tempo fa- spiega-, dopo un accertamento… sembra che mia madre non abbia piu’ diritto a quell’alloggio. Ovviamente, come tutti i citatdini, mia mamma ha agito per vie legali e ha chiesto che venga chiarita questa situazione perche’ lei crede di aver diritto a quell’alloggio popolare”.

Quindi, prosegue, “mi domando, quale era la notizia che voleva dare oggi Repubblica? Forse voleva dire che la mia e’ una famiglia povera? Forse voleva rimarcare il fatto che io non mi sono arricchita con questo lavoro e che i 200 mila euro che ho scelto di restituire potevo utilizzarli per comprare una casa a mia mamma? Io credo che mia madre stia agendo bene. Che una persona a 80 anni abbia il diritto di desiderare di morire nella stessa casa nella quale e’ vissuta. Non provo vergogna a venire da una famiglia povera e provo ancor meno imbarazzo nel dire che la mia famiglia non è diventata benestante grazie al mio lavoro. Personalmente non mi sono mai rivolta a nessuno, se non dare il consiglio a mia madre di agire per vie legali. In fondo funziona cosi’ tra i cittedini normali”.

9 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»