Bologna. Galletti boccia Merola: "E' indietro rispetto alla città" - DIRE.it

Emilia Romagna

Bologna. Galletti boccia Merola: “E’ indietro rispetto alla città”

G. Galletti

G. Galletti

BOLOGNA – Nega che si tratti di una sfida al sindaco Virginio Merola in vista delle prossime amministrative (“No, io sto facendo il ministro”) ma intanto a Gian Luca Galletti basta una semplice domanda sulla partita di stasera del Bologna calcio per tornare a criticare pesantemente l’amministrazione cittadina. Il ministro dell’Ambiente stasera sarà allo stadio per sostenere i rossoblu nella sfida per la serie A con il Pescara: “Assolutamente sì, sarò al Dall’Ara. In bocca al lupo” alla squadra, afferma, rispondendo ai cronisti oggi a margine di una conferenza stampa. Poi, però, Galletti allarga subito il discorso. “Io credo che questa sia una grande occasione per riportare Bologna in A in tutti i sensi. Questa città in questi mesi ha dato il segnale di voler combattere la crisi. Le aziende che hanno aperto qui a Bologna e in provincia sono un segnale di questo genere”, sottolinea il ministro Udc, già assessore sotto le Due torri.

E qui arriva l’attacco a Merola: se Bologna cresce, “io credo invece che l’amministrazione sia un po’ più indietro della società civile. Questo gap- dichiara Galletti- va riconquistato subito, va ricolmato subito”. L’amministrazione “deve essere la protagonista, non può andare a seguire le azioni dei privati e anche della società, penso al campo del volontariato e dell’associazionismo. Questa città- affonda Galletti- ha tantissime energie che a volte non riesce ad esprimere perché l’amministrazione non è capace di coordinarle e di recepire i messaggi che dà”. È una sfida a Merola in vista delle prossime amministrative? “No- assicura Galletti- io sto facendo il ministro”. Intanto, però, un’altra stoccata sul sindaco in carica è messa a segno.

di Maurizio Papa

9 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»