AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

regione lazio - Gli Speciali di DIRE

La Regione Lazio approva la legge sulla rete dei cammini VIDEO

ROMA – Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all’unanimità la proposta di legge riguardante “disposizioni per la realizzazione, manutenzione, gestione, promozione e valorizzazione della rete dei cammini della regione Lazio“.


Con la legge, come ha spiegato la cofirmataria Daniela Bianchi, consigliere di Si-Sel, “nasce un coordinamento fatto da enti locali, da chi opera attivamente sui territori toccati dai cammini, nasce un forum e nasce un catasto che da una sistematicita’ a tutto l’insieme. Da questo punto di vista la Regione Lazio mette risorse per 700mila euro in una prima fase che verranno poi moltiplicate con le risorse che vengono dalla programmazione europea e dai singoli capitoli. Programmazione e’ un’altra parola chiave di questa legge perche’ attualmente il tema dei cammini e’ spacchettato: se ne parla nell’assessorato alla Cultura come se ne parla al Turismo. Cerchiamo con questo coordinamento di dare unicita’ al tema per poter sviluppare al meglio le potenzialita’ che offre. E’ una legge che era molto attesa dal settore, che da anni spinge per averla- ha commentato infine Bianchi- ed e’ una legge condivisa perche’ votata da tutti i gruppi in Aula e che arriva dopo un confronto serrato con tanti mondi sia delle associazioni che delle istituzioni”.

Il Movimento 5 Stelle, che inizialmente non ha posto la firma sulla proposta di legge, ha infine votato positivamente: “E’ stata una scelta politica condivisa quella di non firmare la legge a causa della presenza di articolo critico su cui volevamo agire liberamente- ha spiegato il consigliere M5s, Gaia Pernarella – pero’, ovviamente, quando si incide su queste leggi condivise e utili per tutto il territorio si deve mettere sul piano della bilancia i pro e contro e in questo caso i pro sono maggiori. Inoltre – ha concluso- sono stati accolti quasi tutti i nostri emendamenti“.

09 febbraio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram