San Marino

Il rabbino di Ferrara racconta la Shoah a Palazzo Graziani

Poland Auschwitz Birkenau Concentration Camp

SAN MARINO – La memoria dell’Olocausto raccontata da Luciano Caro, rabbino della Comunità di Ferrara e delle Romagne: giovedì, alle 17.30 a Palazzo Graziani si terrà l’evento organizzato dal Centro Studi sull’emigrazione in collaborazione con Asset Banca. Aprirà l’incontro il segretario di Stato alla Cultura Giuseppe Morganti e sarà poi possibile approfondire i temi trattati grazie alla presenza di Serenella Crivellari, della libreria Sognalibro di Ferrara che interverrà con una scelta di libri per ragazzi sulla Memoria.

Tra le proposte letterarie in particolare, si segnalano i diari in cui i ragazzi da tutta Europa confidarono i propri ricordi per sopravvivere ai campi di concentramento dove erano stati trasportati. Non c’è soltanto la voce di Anne Frank infatti che racconta quanto sia difficile per un adolescente vivere ogni giorno con la consapevolezza che possa essere l’ultimo. Altri hanno affidato al proprio diario i pensieri e i sentimenti più intimi, non solo la rabbia, non solo la paura ma soprattutto l’irriducibile voglia di vivere, di resistere alla follia dei tempi.

Scrisse Eva Heyman, una ragazzina ebrea di 13 anni: “Dirò tutto delle nostre sofferenze, della nostra lotta e del massacro dei nostri cari”. E proprio per essere stati capaci di entrare nella morte a occhi aperti gli autori di questi libri hanno scoperto di poter rinascere, di diventare immortali.

9 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»