Caccia, Prestipino (Pd): “Governo tenta il colpo di mano, vogliono Dracula a capo dell’Avis”

La deputata dem denuncia il tentativo della maggioranza di "ampliare il numero delle associazioni venatorie riconosciute"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Governo Lega-5Stelle, con il sostegno della lobby della caccia, sta tentando di modificare, in Commissione Agricoltura, le norme che delegano al mondo venatorio la ‘gestione’ faunistica, materia, per altro, strettamente scientifica e di competenza della pubblica amministrazione”. Lo dichiara Patrizia Prestipino, deputata del Partito e responsabile Dipartimento Difesa degli Animali.

“In altre parole- continua Prestipino- il Governo vuole mettere Dracula a guardia dell’Avis. Non solo, con l’articolo 32 della proposta di legge n. 982, la maggioranza vuole ampliare il numero delle associazioni venatorie riconosciute, inserendo, tra queste la Confavi, la cui presidente è una deputata e membro della stessa commissione Agricoltura. Viene, dunque, il sospetto che ci sia un conflitto d’interessi nemmeno troppo nascosto su questa modifica normativa. A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina… Per questo chiedo che Enpa, Lac, Lav, Lipu e Wwf vengano audite in Commissione al più presto”.

Il Pd, da parte sua, “darà pieno sostegno a Enpa, Lac, Lav, Lipu e Wwf, le associazioni che stanno combattendo per impedire al Governo di stravolgere la legge nazionale sulla caccia”, conclude Prestipino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»