Rivolta social contro i due che hanno sparato a Bortuzzo: insulti e minacce su facebook

Entrambi di Acilia, si erano giustificati dicendo: "Abbiamo sparato per errore". Il giovane nuotatore colpito non potrà più camminare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Fate un grandissimo favore all’umanità, al mondo e all’Italia. Suicidatevi“. Mentre la giustizia dei Tribunali si mette in moto per giudicare Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due rei confessi dell’agguato all’Axa a colpi di pistola che ha gravemente ferito la promessa del nuoto Manuel Bortuzzo, la giustizia dei social ha già la sua sentenza. I due sono in carcere da ieri sera con le accuse di tentato omicidio e detenzione d’arma. Su Facebook, in poche ore, le bacheche dei due 25enni arrestati sono state subissate di insulti, maledizioni, minacce e commenti da parte di utenti di ogni età.

Leggi anche VIDEO | In carcere i due sospettati per agguato a Manuel Bortuzzo: “Abbiamo sparato per errore”

Entrambi di Acilia, incensurati ma vicini alla mala locale, i due hanno confessato l’agguato: “Pioveva, era buio, è stato un errore”. A sparare, ‘sull’errato bersaglio’ è stato Marinelli, mentre Bazzano era alla guida dello scooter piombato su Manuel e la sua fidanzata intenti ad acquistare sigarette ad un distributore automatico.

“Con questo tuo gesto- scrive una donna sulla bacheca di Marinelli- hai rovinato la vita a due poveri innocenti: a quel povero ragazzo che purtroppo non potrà più camminare, e a tuo figlio appena nato”. “Ti auguro ti passare quello che sta passando Manuel”, aggiunge qualcuno. “Dovete marcire in galera e subire le umiliazioni peggiori tu e il tuo compare”, si legge tra le centinaia di commenti il cui numero continua ad aumentare in queste ore. “Queste parole- si legge in un altro post- sono rivolte a te che hai premuto quel grilletto: spero che la vita da ora in poi per te possa essere maledetta, piena di sofferenze e infinito dolore”.

“Quando sparavi ti sentivi un grande vero? E ora piangi come un cagnolino! Nei lunghi anni di galera che hai davanti avrai modo di pensare alla stronzata che hai fatto, al figlio che non crescerai e che spero ti rinnegherà per sempre”, si legge ancora. Sulla bacheca Facebook di Daniel Bazzano, centinaia di commenti hanno lo stesso tono, se non peggiore: “Il viso di quel povero ragazzo che hai rovinato per sempre sia sempre davanti ai tuoi occhi e non ti lasci mai dormire”. Oppure: “Voglio vederti agonizzare” e tra i peggiori auguri sono in tanti a scrivere: “Avete rovinato per sempre la vita di un povero innocente, ve ne rendete conto?”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»